ISSN: 2038-3282
La Rivista è inserita nella  Banca Dati ACNP ( Catalogo italiano dei periodici) e in DOAJ Directory of Open Access Journals
LOGIN
e-mail
password
Hai dimenticato la password ?
Registrati gratis su Qtimes
Una volta iscritto potrai visualizzare e salvare le notizie in pdf , potrai ricevere la nostra newsletter e usufruire di tutti i SERVIZI PLUS !
Cerca in Qtimes
Home Page
Rapporti, riflessioni, presentazioni
Studi e contributi di ricerca
Interviste
Recensioni



Pubblica la tua tesi
Advisory Board
Politica Editoriale
Open Access
Invia il tuo articolo
Author Guidelines
Ethical Guidelines
Peer Reviewing
Indexing and Abstracting
Call for Paper 2018


IN VETRINA

Anicia 2016 Euro 26,00
S. Nirchi - S. Capogna
Tra educazione e società nell'era delle ICT. Luci e ombre del processo di innovazione digitale in ambito educativo
isbn13 : 9788867092727

 



ARTICOLI PUBBLICATI
Promotion of the Inclusion of students with disabilies
2018-04-08
This final degree proyect is base don a topic that currently has a great relevance: Promotion of the inclusion of students with disabilies. The main objetive is to promote the social inclusion of students with disabilities. First, we will choose four types of disabilities from the most common ones, and we will define and dossify them according with different authors. Later to benefit the inclusion in the center a tutorial program will be put in place by a group of students of the third cycle, totally voluntary by these, in wich they will be for a period of time the mentors of the students with disabilities; these will guide them through the center, will help in all kind of duties, activities will be done to take other person place, etc. As for the teachers, they will be given a survey to assess how they consider the school suitable for inclusion in order to make the appropiate changes. This survey will take place either public and private school, in order to make a comparasen between them.

Essere diseguali in una società immobile
2018-04-08
Questo periodo storico si presenta come uno dei più duri. I prodotti più evidenti della crisi sono chiaramente le condizioni d’instabilità, incertezza e precarietà economica, che incidono profondamente anche sullo stato sociale, educativo e culturale. Il futuro prossimo non sembra capace di offrire vie di fuga, immagini più positive e la fiducia nel domani sembra un progetto irrealizzabile. Certamente lo stato di disagio provato dagli uomini e dalle donne difronte alle incertezze e all’insicurezza sociale (Castel 2011), è frutto di politiche comunicative chiaramente volte a diffondere e incrementare lo stato di paura. Numerosi autori negli ultimi anni si sono dedicati ai temi sull’insicurezza sociale, l’intimidazione, la paura, il rischio e sulle dinamiche relazionali correlate a questi aspetti. La “paura liquida” (Bauman 2008) e il demone della paura (Bauman 2014), sino all’impero della paura (Barber 2004) sono sfaccettature delle medesime dinamiche sociali, sino a diventare paradigmi sociali e di potere, costanti, poiché in tutte le epoche, gli individui sono stati condizionati e controllati alimentando in loro lo stato di angoscia e di paura, esercitando un controllo sociale diretto ed indiretto sulle persone.
Welfare community and empowerment di comunità
2018-04-08
Thanks to the tumultuous digital technologies development, nowadays we live in a world without boundaries, characterized by liquid communities that meet and collide, sometimes denying mutual recognition. We move in a communicative bulimia where information runs like in a circus where the sense and the value of 'communicating' are often lost, fueling forms of misunderstanding, violence and exclusion that contribute to fuel discomfort and isolation. In the information and knowledge society, communication is increasingly discriminating for emancipation and empowerment for people, organizations, and communities. For this reason, in the essay, we intend to deepen both the evolution of the community's space through digital technologies and the value and role of the concept of empowerment applied to community development. The essence of the essay is to reflect on its social implications in terms of welfare communities and valorisation of the heritage of relational goods that are constitutive of every social and community space.
The ”Healt” of the organization. On some intangible components as the basic realities to improve the governance of contemporary public health organizations.
2018-04-08
The today’s challenge  by the organizations of the public health service is perhaps basically constituted by the need to develop an individual and collective  more professional empreneurship capable of urge internal and external resources through a specific and well-defined strategic orientation, in a very complex situation that can be seen on the one hand, the growing increase in demand and, on the other hand, a substantial reduction of the available resources. Therefore, needs to focus on the organization and on the organizing so strong more than in the past, as it is today that the organizations of the public administration delegated to the provision of health services are definitely emerged as active subjects is significant not only in the context of welfare but also in those occupied by the economy and from politics, those who work in a context crowded and competitive.
Recensione “Le sfide della scuola nell'era digitale”
2018-04-08
“Le sfide della scuola nell'era digitale” è una compiuta ricerca sociologica sulle competenze digitali dei docenti in Italia. La diffusione delle tecnologie multimediali nell'era moderna ha richiesto l'adeguamento a nuove chiavi di comunicazione e socializzazione e l'aggiornamento continuo degli insegnanti nell'ottica della lifelong learning in linea con la strategia europea 2020.
Recensione Il paradosso dell’infanzia e dell’adolescenza. Attualità, adultità, identità
2018-01-01
Partendo dal tema del disagio esistenziale, ormai tratto caratterizzante della società odierna, che, transitando inevitabilmente dall’adulto sul bambino, ha prodotto la crisi del ruolo di educatore, genitore o insegnante che sia, l’autrice adotta, per la sua riflessione sulla realtà infantile, una prospettiva alternativa: da adulto che guarda all’adulto.
Burnout at school. Characteristics and possible interventions on the phenomenon
2018-01-01
From some years burnout seems to have an increasing escalation among teachers, with serious consequences both for the person that lives the uneasiness and for the organization school and for the students. Burnout is not therefore a problem of the single teacher, on which to act individually; it asks instead for interventions of prevention and contrast to level of group and system, to realize through projects of training that promote cooperation and sharing inside the teaching staff and among the different components of the school.
Las TIC en las aulas de Educación Infantil
2018-01-01
A lo largo de los últimos años se han producido un sinfín de avances en las llamadas Tecnologías de la Información y de la Comunicación, (TICs). Su incorporación a diferentes ámbitos, han jugado un decisivo papel. Por este motivo, la comunidad educativa no puede mantenerse fuera de estos cambios sociales. Como consecuencia del incremento de las TICs, los educadores han tenido y deben adaptar sus métodos de enseñanza, buscando nuevas estrategias de intervención e instrumentos de enseñanza que ayuden a nuestros niños a sacar el mayor partido a sus posibilidades.

The educator, «teacher of cordial virtues»
2018-01-01
Rethinking the role of educator in formal and non-formal educational context: this is the objective of the article. In the reflection we remember the Law 205 (c. 594-601) that regulates the profession. To recognize the value of the educator, we recall the studies of John Dewey, Maria Montessori, Jacques Maritain, Bogan Suchodolski and Jerome S. Bruner.Rethinking the role of educator in formal and non-formal educational context: this is the objective of the article. In the reflection we remember the Law 205 (c. 594-601) that regulates the profession. To recognize the value of the educator, we recall the studies of John Dewey, Maria Montessori, Jacques Maritain, Bogan Suchodolski and Jerome S. Bruner. The professional, cultural and ethical commitment make it possible declare the educator as a ‘teacher of cordial virtues’.
RE)DISCOVERING TO BE AN EUROPEAN CITIZEN. The necessity of the education to European Citizenship in order to (ac)knowledge the active role to play in the Union.
2018-01-01
It has been 13 years since the European Year of Citizenship Through Education. The need of the role of the education relating to European Union’s issues is now clearer and clearer. Indeed, even though the Treaties define every inhabitant of the Member States as “citizen” and give him or her very specific rights and duties, the debates linked to the European Citizenship continue to be characterised by the vagueness and the uncertainty showed by the main characters of te story themselves. Much of the problem lies in the origin, which means in the education of the European citizens. Because of negligence or because of the lack of adequate information, many European inhabitants are European citizens without knowing it or they don’t know what this title really means. A lot of them are European citizens without having the awareness of beeing it. It is evident that the European Union, which is perceived far from people, has to be brought closer to the public. The education to European citizenship has become a priority in the school curricula of every Member State. So, this has happened in Italy too. But it seems that our country underestimated the importance of the problem.
Education for peace and missed Nobel Price for Maria Montessori
2017-10-15
For three years (1949-1950-1951), Maria Montessori was candidate to Nobel Price for Peace without succeeding.
These Events, which have not been sufficiently studied in the personal and intellectual biography of Maria Montessori, are reconstructed in the present essay, basing on the documents from Nobel Price.org, from Unesco Archive and from Historical Archive of Luigi Sturzo Institute, where the documents of Maria De Unterrichter Jervolino are kept, who was the most convinced and influential supporter of the Maria Montessori’s nomination.
The national and international political contexts of these events are reconstructed, on the view of the most general evolution of the montessorian elaboration and practices. The contribute of Maria Montessori to the education for peace is examined on his essential aspects, starting from her writings from the Thirties.

Use of the therapeutic method
2017-10-15
The aim of the following work is to analyze an effective method for managing the growing issues at the infant and adolescent level. The "Making Stories" method will be described, implemented by the Institute of Group Research and Generational Psychology (IRG) of Lugano, founded by Marcoli Ferruccio.
Tra educazione e società nell’era delle ICT. Luci e ombre del processo di innovazione digitale in ambito educativo
2017-10-15
Il libro affronta con grande capacità e impatto un tema che è sempre più sentito e vissuto nella società odierna, quello della rivoluzione digitale che risulta sempre più inglobata nel nostro agire quotidiano.
Does germ-line therapy harm to future generations?
2017-10-15
In performing germline therapy, looking from the topic of the ethical problems connected to our modal duties related to future generations our conclusion is that the refusal of applying the engineering technique in attempt to treat genetic diseases is not acceptable. A prohibition of this kind consists in an oversimplification because it can be founded only on a deterministic (once referred to individuals) and static (referred instead to the species) idea of the DNA.
Anencephalic newborn as organ donor: beyond utilitarianism and the dignity-based approach
2017-10-15
In the present article, we will be focusing on the possible scenarios that could raise from the analysis of the anencephalic newborn as organ donor. These scenarios are as follows: 1) organ donation is banned; 2) organ donation is possibile according to the brain death criterion; 3) in order to perform organ donation, a changement is needed: we need to introduce the cortical death criterion; 4) finally, our perspective, which goes beyond utilitarianism and the dignity-based approach. We will conclude our article presenting some philosophical considerations regarding bioethical issues such as utilitarianism and dignity.
L'ePortfolio delle competenze. L’individuazione e la validazione degli apprendimenti non formali e informali nel quadro del sistema di istruzione degli adulti in Italia
2017-10-15
The article describes the research results on the competences ePortfolio for the recognition and validation of non-formal and informal prior learning within the framework of the adult education system in Italy, conducted by the author in the PhD in Theory and research in education, at the Department of Education of the University Rome Tre, between 2014 and 2016. It focuses on presenting the results of the research activity, which can be outlined on three different levels: individual, organizational and systemic. On an individual level, the research results confirm that the choice of the narrative-autobiographical method and the adoption of different narrative tools - as the ePortfolio - is effective for the reconstruction of own history and the valorisation of own competences. The figure of the “Expert in guidance for the identification of competences and the validation of prior experiential learning” reveals itself as the key figure of the procedures. The role of education, training, guidance systems and work organizations, in which the procedures need to be increasingly institutionalized, comes into play. They are called upon to equip themselves with devices specially designed to develop and manage such procedures, made up of dedicated offices, qualified personnel to provide related services, guidelines to be adopted in relation to methods and tools, which can be used.
Teachers' digital behaviour and self-efficacy on digital skills: the outcomes of an empirical study
2017-07-30
The research is of an exploratory nature and constitutes an initial study phase describing the digital habits and behaviour of the teaching staff during the period in which the 2007-2013 PON was in effect in the Regions covered by the Convergence Objective (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). The present paper, taking the availability of ICTs as a necessary condition for the development of digital competencies in the classroom, offers a number of reflections on the relation between the perception of one’s own self-efficacy in the use of ICTs and the use of technology in personal didactic action. The observation of one’s perception of one’s own digital self-efficacy follows two lines of inquiry. On the one hand, what is measured is the level of faith that teachers have in their own professional competence. On the other, an articulation of digital competence in the main activities that are connected to it is suggested.
Communication as a Tool of Empowerment and the Value of Human and Professional Relationships
2017-07-30
In creating an effective and positive work environment in which prospects for organizational well-being are sought, the ability to communicate, the capability to relate to "team spirit" and the widespread sense of responsibility towards goals shared all play an essential role. In these dynamics of individual and organizational empowerment, it is a matter of enhancing the work dimension in a spirit of participation and continuous comparison between different people in different professional roles, according to a horizontal approach where the keywords are sharing, engagement, sense of responsibility, motivation to act in the achievement of common goals and through human and professional relations based on mutual respect.
Etnografia della formazione Domenico Lipari
2017-07-30
L’articolo riprende alcuni passaggi dell’Introduzione del volume di D. Lipari, Dentro la formazione. Etnografia, pratiche, apprendimento, Guerini Next, Milano, 2016, un testo che propone una lettura delle attività di formazione basata sull’etnografia. Il diffondersi dell’approccio etnografico oltre i confini dell’antropologia tocca con crescente interesse una varietà di campi di studio ed è ormai parte integrante del bagaglio metodologico tanto degli antropologi, quanto dei sociologi, degli analisti di organizzazione, dei formatori. In questa cornice di riferimenti tematici, il volume mostra – con il supporto di casi tratti da esperienze di lavoro sul campo – le potenzialità pratiche dell’etnografia applicata alla formazione

Disoccupazione e dispersione scolastica
2017-07-30
La dispersione scolastica e lo skills mismatch tra competenze richieste e disponibili, nonostante la diminuzione degli ultimi anni, costituiscono ancora un grave problema per il nostro Paese, con ricadute sui percorsi personali e sul sistema socio-economico. Partendo da un recente articolo, che propone una diversa lettura del fenomeno, che mette in discussione il tradizionale collegamento tra il numero degli early school leavers e le cifre della disoccupazione, il presente contributo si sofferma con particolare enfasi sulla scuola e sulla necessità indifferibile del suo cambiamento. Solo una scuola, aperta sul mondo e le sue caratteristiche, che riveda il modello di insegnamento/apprendimento, può aiutare i giovani ad inserirsi in maniera attiva e positiva nella società e nel mercato del lavoro.
Permitting organ donation: brain death criterion as the
2017-07-30
After considering authors who criticize the brain death criterion (Singer, Defanti and Shewmon), we will conclude that brain death criterion cannot be considered the death of human beings: this does not lead to ban organ transplants. On the contrary, brain death as the "point of no return" in the process of death should ethically considered as the requirement for performing transplants.
Schools and territory between network and community
2017-04-15
Educational agencies are going through a difficult transition period that is having important consequences in terms of de-legitimation of the social mandate historically assigned to school. The reason of this widespread uneasiness is due to the fact that today we are living in a complex system where traditional school cannot live in an isolation anymore. The following contribution arises within this problematic framework with the aim of outlining the most important changing patterns that have been affecting education agencies in the last fifteen years, paying attention to the new institutional and legislative Italian framework that redefined the whole educational structure in coherence to supranational agreements such as the Bologna Process (EHEA,1999).  The objective of this essay is to contribute to the development of a new vision of the education system. Starting from the challenges of a global and complex society, we are going to reflect on the value of networking as an instrument to cultivate the responsible participation of the educating community and the necessity to adequate internal competences and coordinating mechanisms.

The challenge of the Third Mission of Italian Universities: A new path for inclusive growth and the development of the person
2017-04-15
Italian Universities, under some social, cultural and economic pressures, have been called to change the institutional action adding to the two traditional missions, on the one hand the Didactics for a qualified training and on the other the Research, a new objective (called "Third Mission") aimed at continuous interaction with the social environment, school institutions and the business world to create the basis for a common project of development. The aim of the paper is to analyze the change of Italian university system through the evolution of the two traditional functions and illustrate a new path within which the University should promote the growth of the person through the acquisition of competence and awareness, and also the constructive dialogue between historically distinct systems: education, research and innovation.

Lifelong learning inside Lerning Organization
2017-04-15
Every organization shall check an activity list in order to make profit; each activity is itself depending on a series of bonds (technology, assets, human resources, infrastructures...).  In-business Learning is an essential bond: without it business process could even decade till complete breakout. An organization must be intended as a group of people interacting between them, sharing a common action. The realization of the same goal can be achieved only if the group shares a common background of skills and knowledges, and can successfully exchange info: this is the truly base of learning organization theory.

Competences for 21st Century Schools
2017-04-15
What means ‘key competences’ and why developing them is so important in today's society? This paper focuses on three aspects of 21st century school: the importance of competences in information society, the definition in international frameworks for key competences and new approaches in teaching and learning.
Training and change. Experiences in Roman kindergartens
2017-01-01
The involvement of teachers in training is essential to produce an expansion of their professionalism and an improvement of the education service. Give suggestions, requests to change the existing instruments is a delicate operation, because it does not impact only on the cognitive dimension of being professional, but invests the motivational aspects of self-efficacy and supporting the quality of the work.
Education and training systems vs undeclared work and shadow economy, challenge accepted.
2017-01-01
Deciding to work illegally today, regardless of whether it's the only choice or a personal choice, it means condemn oneself and become trapped in an enclosed scheme, which hinders progress and personal development. But the black economy has a strong impact on the lives of others: the community and the State in fact are suffering the effects of the shadow economy and undeclared work, which slow the development and economic growth. The shadow economy and the undeclared work touch the economic relations in production systems and the balance between demand and supply of labor. In this way there is a disadvantage both from the side of the workers, who are then forced to give up the rights, protections and income, and the companies, because they must face up a type of unfair competition that primes a series of chain reactions and producing social dumping and threatens the sustainability of national financial systems. Instead the development of culture of legality and knowledge and personal skills could save us from the abyss of the shadow economy. Indeed a well-trained and aware citizen of its own shares represents the true potential of a nation as well as the opportunity for himself to have a chance to join into the regular market.

Like a bridge over troubled waters. About intercultural communication for multicultural-multiethnic societies.
2017-01-01
The paper come out from a series of thoughts tending to go along the path of some of the principal problems of the relationship with the Other (in particular, ”the Stranger-Other”), the kind of relationship that today, in a territory of globalized  societies and actually always more multiethnic – multicultural but that only relatively they recognize themselves and act as such, it can totally favour or invalidate the same possibility of multiculturalism. Communication, in particular interpersonal communication, cannot be anything else that a fundamental element for a real relationship with the Other; it is certainly a matter that cannot be exhaustible in an essay of limited dimensions as the one that follow. Starting from the assumption (probably shareable) that the intercultural communication problematic doesn't certainly reside in the “tongue” as such, but it resides in the “language/s”, in a more complete sense of the term, that come to meet/collide, or in the culture structural connotations (semiotic, symbolic, valuable, etc.), the reasoning is based on some basic logics of communicative acting, in its aspects (besides absolutely inter co-related and interdependent) of “transmission” and “relation”.

ICT: new learning methods for health and safety at work
2017-01-01
The success factors of any policy on Occupational Health and Safety (OSH) depend on the effectiveness and efficiency of the communication channels and tools used to achieve all the stakeholders. Today even in OSH sector the new communication channels such as Internet, online applications and social networks can represent a wide range of tools which could making more appropriate communicative and information processes and training. On  the last July the New Protocol State Regions 2016, related to the duration and minimum content of the training courses for managers and staff of the Prevention and Protection Service (RSPP/ ASPP) in Italian OSH sector, has expanded the use of the teaching and learning methodology online, better defying technical, organizational and managerial requirements. The use of ICT is becoming more and more an important precondition for access to information and opportunities for personal, professional and business advance and progress. 
Certification of skills and authentic tasks
2017-01-01
After a quick analysis of the normative evolution of the skill's concept, the essay focuses on the introduction of compulsory certification of skills; then it analyses the development, first doctrinal and then legislative, of the authentic performance concept or  real life tasks; furthermore, it examines which should be the essential characteristics of them; in conclusion, it provides a brief indication of what could be a grid of observation skills.
The school as innovation driver
2017-01-01
In this paper we’re trying to explain the first Italian experience of collaboration between Umbria Region and Regional Education Autority (USR) for the community of “animatori digitali” (teachers with particular role for the digital transformation of schools). A special network where the teachers could interact, collaborate, share best practices to improve digital services and digital transformation of the education system, schools and society.
Quality Management in education system
2016-10-30
In this paper we are trying to find an answer to the following questions: why the topic of quality was introduced with increasing force in the education system? Which are the reasons that allowed the transition of the quality concept from the economics and social organization language to pedagogic language? Which are the problems that the quality application shows?
Digital competences: important element of effective teaching
2016-10-30
This paper would to analyze the role of digital competences in educational sistem to identify  lights and shadows.
Gender Differences, education system
2016-10-30
The Italian educational system since the seventies became a women's world, both for the massive presence of girls in all levels of schooling, both for a teaching staff composed mainly of women, so that in some scope men have become one real “rarity”. The feminine school and university education invites us to think about the consequences of the logic of gender culture. And it is in this perspective that we can highlight the inadequacy of the training of future teachers, who for different reasons continues to play both occupational segregation, given the absence of men in education, for both the maternal love rhetoric seconds where you become teachers and educators as a professional vocation. In this context it is clear that the school and not only continues to transfer, through the study of the humanities the idea of a world by men and women remains the task of dealing scope of care and of life from birth to death. A content taken and shared by all, men and women, who continue to perpetrate it without questioning it, as they are the same women communicate it, so now consider it a given indisputable, which is part of the “natural” way of thinking of the people.
The woman in the family and at work in contemporary society
2016-10-30
The social role of women is undoubtedly changed over time. These changes result in a new female identity and take on new psychosocial meanings, both for the women themselves and for their life contexts. The results of investigations conducted over the past ten years provide an interesting picture of this evolution and suggest reflections to achieve a social objective of great importance, what is gender equality, to which the European Community has devoted increasing attention.
Teaching history, educating to memory. June 2, 1946. The Republic of the italian women and men arises.
2016-10-30
70 years ago, on the 2nd of June 1946, the Italian Republic raised with an institutional referendum. Moreover, a constituent assembly was elected to write the Constitution of a new democratic and social State, not more mono-gender and mono-class. The Constitution was approved on the December 1947 and became law on the 1st of January 1948, after an intense but collaborative debate between the antifascists parties. Keeping in consideration the recent facts of the referendum of the 4th December 2016 on the constitutional reform, occurred in a climate of contrast, the author examines the extraordinary participation of the italian men and women, for the first time called to vote, after the epochal tragedy of the second world war. The author makes also an in-depth reconstruction of the modern and advanced contents of the Constitution, which establishes the co-presence and the interrelation among civil, politic and social rights. The figure of the historian avoids the stereotypes and the general interpretative categories, for the inescapable analysis of differences and contexts. However, in order to understand the present of the past, it should be useful to return to the foundative moment of our democratic institutions.

Análisis de las opiniones del alumnado y del docente sobre la formación en los ciclos formativos de administración y finanzas
2016-10-30
Hace unas décadas la Formación Profesional en España ha sido siempre contemplada como segunda opción en los estudios, por detrás del Bachillerato, para el alumnado que no quería seguir estudiando. Ahora es vista como una mejor opción alternando la teoría y la práctica en empresas. El artículo muestra las opiniones de 69 docentes y 293 estudiantes de Formación Profesional en España, en concreto, los ciclos formativos de Administración y Finanzas en centros educativos de secundaria de la provincia de Jaén (España).
Utilizando una metodología cuantitativa, basada en encuesta, con el profesorado y el alumnado de la muestra, se concluye que se debe fomentar la formación del profesorado, aunque el alumnado sí detecta que la formación de su profesorado es buena. Además, el alumnado otorga prioridad al aprendizaje instrumental.

The Early school leavers. What is that, you can take action
2016-07-30
High levels of school dropouts that occur in different countries focus on the pressing need to implement educational and training programs that helps to reach the reducing dropout rate goal, within the limit set by the European Commission's plans for 2020.
Encounter and Dialogical Learning. A Relational Pedagogy Path
2016-07-30
People build themselves in their life, in relationships, in inputs and in requests they get.
Everyone’s life is marked by encounters, stories and experiences shared through emotions and languages, signs and phenomena that require sensitivity and communicative and relational skills to be got. These skills are the basis of dialogic intelligence (Rossi, 2005, 2015; Gómez, Alonso 2014) that enables people to read words, feelings and non-verbal languages.  
Narration, dialogue spaces, listening exercises and reflexive silence build the different phases  of an active critical methodology through that people explore personal worlds (inner and others’ worlds) and collective landscapes. Actions and thoughts make sense in these contexts of life, otherness paths (a topic debated by relational pedagogy), that engage the single person and the whole community, are taking shape to involve the School and the civil society.  

Identity, interculture and survival. Rereading Charles Taylor’s socio historical paths of continuity and break with tradition, in light of Europe’s dark night
2016-07-30
Charles Taylor’s intercultural theories, characterized by socio historical paths of continuity and break with tradition, by acknowledgement of identity and interculture, as well as by needs of differentiation, survival of identity meaning and cultural transposition, have largely inspired the educational model of intercultural inclusion of Canada. In a historical moment marked by the extremist dynamics of “terror against terror”, which must be  followed by efficient educational actions, it is useful to come to terms with Taylor’s theories, which determine a partial correction to the pathways of the most spread educational models of intercultural integration and pedagogy, especially with regard to the topics of identity and value restructuring, both individual and collective, in response to the emergent disaggregating forces of contemporary civilization.
Virtual lab for Knowledge Building on Evaluation
2016-07-30
The assurance of quality of teaching and teacher training are complex issues and strategic objectives that the European Union supports. This focus reflects the need to ensure appropriate initial and in progress professional development education, although the training model is a major diversity of educational policies between countries. So there is a need to propose a framework of knowledges and skills shared between national policies. Therefore, in accordance with European guidelines, the Italian Ministry of Education (MIUR) has described the objectives of the initial teacher education and it has enabled the courses of Tirocinio Formativo Attivo (TFA).
This paper analyzes the complex issue of the initial teacher education, enrolled in the second cycle of pedagogical courses TFA in 2014-15 (Sapienza, University of Rome), with special attention to the use of digital tools such as support for construction of an evaluation knowledge. The goal is to deepen evaluation problems reported by TFA students with different tertiary education, to adapt the initial teacher training to the needs of the individual, using a traditional training approach (classroom lessons) and activities of online platforms (PRO.VA and Moodle). So the data of participation in virtual laboratory for the construction of tests and discussion on the issues of the evaluation are presented and discussed.

Use of cooperative learning strategies in some inclusion experiences in multicultural classes
2016-04-30
The present paper reports the results of a search, still in progress, focused on the fulfillment of intervention of inclusive teaching, based on the cooperative learning method, in multicultural classes of some Comprehensive Schools  (C.S.) in Southern Lazio.
The initial project has the aim to integrate foreign children and to improve socials skills in their classrooms.   It has been carried out and completed in 4 classes of the Comprehensive School of Amaseno (FR) and Fondi (LT) and in 2 classrooms of Primary School of C.S. of Cassino 1 (FR), involving in total 104 students.
Even though we don’t want to say that the results of this experience are valid for wider populations, we can confirm that the teaching activities fulfilled in this project produced  positive outcomes.




The self-evaluation of school: input and process variables of teachers
2016-04-30
This article intends to analyze the self-evaluation of school taking into account the input and process variables of teachers.

Schools innovation and leadership
2016-04-30
A profound change is needed in Education as response to demands set by 21st century competences. Due to these modifications, new opportunities arise for remodeling pedagogy too, for instance providing new ways of considering learning, i. e. the acquisition of new kinds of literacy, namely cross-cultural, ecological and IT literacy. At a theoretical level, these demands require a shift from focusing on engagement in school to engagement in learning.
Therefore, this paper describes the core design principles that underlies the school innovation and we outlines the two things that we recommend are measured when assessing school effects and supporting their improvement: leadership practices and student outcomes. School principals are responsible for their own institute, but no assessment framework or evaluation system can measure all the actions actually realized. An innovative idea about schooling must consider that school evaluation has to be measured through: (1) the actions taken by principals in order to achieve higher success rate in their school and (2) the degree to which a school has effect on outcome improvements of the students. Consequently, it is possible to denote these two aspects as “educational practice” and “learning outcomes”. These categories encompass the actions of principals and the most important results of school tasks.
The self-evaluation of school and input variables: a students focus
2016-04-30
This article intends to analyze the self-evaluation of school taking into account the input variables of students.
Seriously or just for fun? Strengths and limitations of educational serious games
2016-01-30
Game-based learning has a well-established tradition at the nursery and primary schools. Traditionally, however, in the upper school levels - and even more in adult education -, there is a split between educational and recreational activities, the latter being addressed mainly to pure entertainment, in a separated, or even opposed, way with education. This counter position is more and more reducing in recent decades, especially thanks to the advent of new technologies that have enormously enlarged and extended games and their fields of application. The game industry has grown extraordinarily, and the educational games supported by new technologies have significantly developed and found application in continuous education. This chapter provides an overview of the state of the art in the field of educational games supported by new technologies, showing that, albeit its rapid and robust growth, a comprehensive evaluation framework is still missing. In conclusion, some findings from the authors’ last five-year research are shown, suggesting the analysis of serious games in terms of their ludic and narrative components. Such an interpretation is expected to contribute to enrich the theoretical and methodological debate about their design and evaluation.

Educate “social”: ethical dimension and digital skills
2016-01-30
Among the many reflections on multiple levels involving educational agencies grappling with the challenges of the digital age, our contribution wishes to deepen the controversial issue of ethics of social media, and the role that the education system is called to play in terms of accompanying and supporting young digital natives. The paper's first part presents a survey of the current european policies on the development of digital skills and the main studies and research on the use of ICT and social media, in order to understand the incidence and level of impact on socially responsible behaviour. In the second part the involvement of educational institutions is examined with a special focus on the educational planning for skills in reference to the digital skills. Our study aims at fo-cusing specifically on the weight that the development of metariflessive, narrative (Lave, Wenger 2006) and ethical skills takes on in the child's growth until the delicate transition between adoles-cence and adulthood. For the "native social" network experience has a strong impact  on the path of indentity construction. Isolation, fragmentation of self and the spread of cybercrime are just some of the risks that children can take if not adequately supported in the web exploration, starting from school age. The basic technical skills are only one dimension of an integrated asset expertise, which, as pointed out in the literature (Calvani, Fini, Ranieri, 2009) includes development of ethical and soft skills, that are functional to increase teenagers' awareness of social responsibility, to involve the use of the web and to promote appropriate behaviour in many situations that can result from web navigation.
Teaching and Learning with Technology : which university
2016-01-30
The technological, socio-cultural and economic changes and the institutional development are forcing the Universities to rethink their teaching and learning strategies. Until a few years ago (in the presence of other conditions), these strategies were the most appropriate and, for this reason, the most widely used. In particular, technological developments are evidencing different effects in the transfer and construction of new knowledge. The authors reflect about the changes that affect the university in the rethinking their teaching model with the integration of ICT in ordinary teaching practices. Because, nowadays, students present new demands for training. The essay presents three main themes: the evolution of learning models; the modernization of higher education; the teaching profession who is looming in the renovated interactions space. The work ends with the proposal of a techno-social learning space that can integrate all the opportunities offered by new technologies through the exploitation of the interaction understood as a medium capable to unify all the resources (human and otherwise) who flock the "learning space".
Informing and training for workplace safety. The centuries-old Italian experience
2016-01-30
The dramatic chain died at work inevitably leads to a deep reflection and attracts more and more to the inevitable acceptance of responsibility and the necessary commitment and constructive synergy between the various actors in the world to launch a widespread information activities, that combined with education and prevention will help to grow the culture of safety in the workplace.For almost a hundred years, from the 1898 Act to the legislation of the fifties, the attention to safety on the job is very poor. Increased attention and sensitivity is however in the years of reconstruction and economic miracle and even more in the season of the movements. In the last two decades the national legislation conforms with EU directives confronting solid experience in other countries, primarily Germany, of worker participation in the enterprise security management. Work accidents are a "social evil" should not be considered as events in their own right, but as a direct consequence of an ingrained habit is little compared to the Italian and circumvention of rules, is a major cultural delay in transposing training as an essential tool for the prevention of accidents. Businesses and workers need to be prepared and informed is not enough unfortunately, but fundamental, the promulgation of laws and regulations, as well as actions may not be sufficient control and supervision on safety in the workplace, to reduce the high number of accidents and "white deaths". With the new Safety Law (Legislative Decree 81 of 2008) completes the complex and difficult process that led to the reorganization and reform of legislation on protection of health and safety at work this was a piece of legislation called for by time, as it was definitely a necessary reorganization of the various rules relating to the protection of safety and health at the workplace. The purpose of the reform was to redesign the matter of health and safety at work in Italy framing the rules so far contained in multiple sources have occurred, seamlessly, over almost sixty years with a view to system, as well as update the same taking into account the experience acquired in their application of the most recent developments in work organization.

Critical mind and creative intelligence
2015-10-30
Despite a long history of research and debate, currently there is still no universally accepted definition of “creative intelligence”. The word “intelligence” derives from the Latin noun intelligentĭa, which comes from the verb intelligĕre. According to some specialists, intelligĕre is a contraction of the Latin verb legĕre, connected to the adverb intŭs. A person who has intelligentĭa, is someone who is able “to read inside” or “to read beyond the limits” and understand the real, deep and authentic nature and essence of reality. According to other specialists, intelligĕre is a contraction of legĕre connected to ĭnter. In this semantic horizon, it is an ability to read “between the lines” and create semantic relationships among multiple elements in the conceptual network. Intelligence has been defined in many different ways, such as in terms of abstract thought, understanding, learning, self-awareness, communication, emotional knowledge, memory, planning, creativity, metacognition, creative intelligence and problem solving. Following this area of research, in this article it is analyzed the relationship between “intelligence” and “creativity”, in connection with the concept of “creative intelligence” defined by John Dewey. 
The transmedia perspective of Digital Education
2015-10-30
Trans-media is the new configuration of behavioral and cultural dynamics to transmit knowledge, tell stories, share ideas and experiences, promote diverse kinds of entertainment through more digital platforms. Hence, it is going to become a new form of social and cultural capital.
The implications of this revolution are evident in many ambits: from the hyper-structured narration to the multiplication and accumulation of signification processes, from the cross-breeding of codex to the reciprocal contamination of expressive forms. Consequently, for some years now, "trans-media" has become an expression of symbolic value not only from the linguistic and semiotic point of view. Moreover, it is a "gate of culture and communication" for modern society, as well as a signal of crossing toward a new paradigm that completely changes the mechanisms of cultural industry and traditional communication models, such as the Dayan and Katz representation about big media ceremonies and Eco’s enunciation’s semiotic model.
Some years ago, digital media (smartphones, social networks, chat-rooms and so on) were means of expression and amplifiers of ideas, media contents and broadcasting formats. Nowadays there is a turnabout: the digital and social devices impose a bottom-up system to the broadcasting industry with new cultural phenomena and formats, as well as self-promoted talents, new habits and trends, to which broadcasting systems are trying to adapt themselves.
In the cross-media field, there is a rapid passage from cross-media level 1.0 (defined pushed) to cross-media level 4.0 (defined Experiences). In the first and second cases, the enunciation’s process and the amplifier effect of digital media is designed, checked and managed from the cultural industry. Whereas in the third and fourth cases, the user, through an active use of cross-media, is rendering a new form of cross-culture construction (through the collaborative construction of meaning). In cross-media Experiences, the origin of the cultural phenomenon derives from the digital user directly on the web (cultural self-production) and then spreads to other devices. The resonance of the bottom-up phenomenon and cultural label, which is attributed to multi-users generated contents, catapults in the media market, changing the broadcast dynamics.
The culture, transmitted through cross-media systems, transforms the process of socialization and construction of people’s identity. Therefore, the cultural background is constructed peer to peer on line for emotional connections, thus “colonizing” the cultural network within the intergenerational relationships at home and at school. It creates new mechanisms of cultural mediation and changes the perceptive, cognitive and emotional orientation when compared with unpredictable situations as well as daily problems.
The new communicative paradigm of transmedia changes also the educational context, that must to give adequate competences to be conscious citizens in the digital era. In this framework, also digital literacy and digital education have to update and innovate as digital knowledge and skills and didactic strategies. This chapter starts from the description the theoretical framework of transmedia paradigm and tries to translate it in the conceptual  perspective of Digital Literacy and Digital Education, focusing on new kind of competences to develop.

Le@rning to change.ICT, learning organization and knowledge management for a new Public Administration
2015-10-30
To stimulate processes of change into the P.A., a precise and carefully explained reference is made today to the absolute importance for the public administrations of the promotion of know-how development by means of the creation, valorisation and sharing a common cultural meaning by the knowledge-competence patrimony necessary to back the innovation processes like the logic of learning organizations and knowledge management (with particular reference to the so called ‘practice community’), made feasible by the ICTs and already used in companies to a fair ex-tent.
Understanding Web. School, Technology, Society.
2015-10-30
This paper introduces the complex relationship among technology-school-society as framework of the discourses, processes and policies of the daily practices of schooling.  Nowadays, we live in an interconnected digital ecosystem that represents a powerful architecture for user participation, posing new challenges to education system. Particularly, youth participation in this networked world suggests new ways of thinking about the role of education. The focus is not on the technology as such, but on the innovative dynamics it can result in. At the base of the information revolution are new ways of relating to one another, new forms of discourse, of the creative and collaborative problem solving, new ways of interacting, new kinds of groups, and new ways of sharing, trading, and collaborating. “Participatory culture” is emerging as the culture that absorbs and responds to the explosion of new media technologies. It highlights the cultural component embedded in the new technologies practices. Openness, social networking, “connective intelligence”, making, digital fabrication are especially promising in this regard as a part of the digital culture. What is fundamental are the ways in which they empower us to rethink the cultural design of the new learning environment.

Out of the Fishbowl: The Uberization of Teaching
2015-10-30
In terms of recent innovations affecting the Higher Education sector, two are generating significant interest: the creation and delivery of MOOCs as Open Education Resources, and the concept of the flipped classroom, a pedagogic approach whereby the roles of teacher and learner are inverted. Although the connection between the two may not be immediately obvious, they represent different sides of the same coin, and they can be brought together in a blended learning approach. Using both MOOCs and flipped classroom in a blended setting can help to evaluate the potential impact of MOOCs in a changing society. The following paragraphs are based on a non-systematic observation of disintermediation phenomena in educational experiences during the pilot phase of the Emma Project1, accordingly to its objectives and challenges.
App Digital Education. Mixed Approach and didactic sperimentation in pre-school
2015-10-30
The main objective of the paper is to illustrate the theoretical and methodological construction of an experimental " app digital education " in some schools of the Municipality of Rome, with special attention to the analysis of the effects of the insertion of the digital input in teaching kindergarten. In the socio-psychological perspective, the kindergarten is infact an important place of observation and analysis of the formation and development of capabilities of the children, (Nussbaum, 2001), as the plasticity of the child's thinking began to take shape already in age preschool and evolves progressively taking into account the constraints of perception, socio-cultural and behavioral emerging in the various educational agencies (Piaget, 1970). The paper, which refers to the research project still in progress "Media Usage in Pre-school. Analysis and Evaluation of the Influence of Technology on the Socialization of Children between 0-6 " by Observatory "Mediamonitor Minori" (Sapienza – University of Rome), retraces the steps of the research strategy designed to observe changes in the attitudes and behavior of children in school, following the implementation in 4 case studies of an experimental protocol (Campbell, 1969) of " app digital education".

ICT and education: innovation in teaching and training approches and enhancement of awareness
2015-10-30
The 2020 European strategy aims to a smart growth, through more effective investments in education, research and innovation fields. In particular, smart growth means improving the following areas of assistance: - education encouraging people to learn, study and update their skills; - research/innovation, to create new products/services which can stimulate growth and jobs and direct the societal challenges; - digital society, to improve and simplify the use of information and communications technology (ICT). In fact high quality education and training, both efficient and equitable, are crucial to ensure the success of the European strategy, enhancing employability too. Information sharing and communication tools such as Internet, online applications, social media and networks facilitate new learning pathways that can be more effective and appropriate than traditional informational approaches or classic training. Innovative pedagogical approaches, which allow students to learn in ways appropriate to their own experiences and interests may actually be enhanced through the use of ICT, through which students become prosumers (as creators of contents) in social experience based on learning and the exchange peer to peer within communities of practice.
MOOC IS THE NEW BLACK! ISN’T IT? Topicals and outlooks of a phenomenon.
2015-07-30
It is now nearly four years since the so-called "year of the MOOC", 2012; and is good to return on an issue which remains still hot. In good conscience, the expected tsunami in higher education seems to turn into a case less "disruptive" than it was painted at the time, but certainly worthy of attention. This paper is a theoretical approach that starts from some very recent publications. Those publications bring back the attention to this phenomenon and allow us to begin to define light and dark contours, as well as to think about the real related scientific, technical and pedagogical elements.
The use of e-learning in the lifelong learning
2015-07-30
From beginning of the new millennium the evolution and the widespread availability of telecommunication systems has allowed the birth of current information system and interconnection system (Internet) within which everybody can exchange information. Thanks to this fast developing today the online education is taking an important and growing interest and the training institutions use the e-learning in their training activities aware that these foster a learning which places the learner at the centre of a training program that does not require and does not produce only a memorization of content, but it also allows to produce new knowledge and new skills, through the teaching activities online, increasing the motivation to learn. This paper describes a study that starting from the introduction of the technologies in the training and retraining will explore the educational potential of new technologies in an environment dedicated to vocational training, for this aim will reported the results of a study carried out on an institute training that arrange e-learning courses in the field assisting of the elderly and in the medical field.
Strategies of Virtual reality and Experiential Learning for innovative teaching
2015-07-30
For several years, web technologies are used in education not only in e-learning, but also as a form of Experiential Learning to be implemented in virtual contexts. Specifically, the student is advocated to confront the building of knowledge actually similar to that developed through the classroom experience, pushing it simultaneously to analyze each new situation with the awareness of previous experience. The paper attempts to analyze the benefits that students can receive from a process of teaching-learning absorbed in virtuality.
Learning in the 21st century: the digital challenge for teachers
2015-07-30
Today there is a widely shared view concerning the importance of the promotion of Information Communication Technologies (ICT) in the educational area, thanks to the efforts undertaken by the European Community with the inception of the Bologna Process (1999) which assigns to ICT an important role in the promotion of Life Long Learning. The state of maturation of these technologies allows the development of learning environments inspired by different approaches. The spread of distance e-learning courses, of which the MOOCs are just the latest milestone, opens a significant debate on what should be considered for e-learning and its related quality standards. Scientific literature offers several contributions regarding the quality of e-learning. There can be no single view as the quality concept incorporates the "subjective", the "contextual" and the "objective” dimension and the issue can be explained  in several ways, according to the perspective adopted.
In this essay, we want to illustrate that any debate regarding the nature of e-learning standards cannot exclude a reflection regarding the quality of teaching and the importance of a positive interaction to analyse the online relationship in a virtual classroom.

In the education net. Complex issues and variables in the educational process.
2015-07-30
The complexity of the educational process can be noticed in the facts and in the acts that make reality become plural and multiform and represents different contexts, experiences, stories, reflections, subjectivity and objectivity, universality and particularity. These aspects have to be understood as difficult and complex issues that characterize the present and that influence the education and the production of its models from the history of ideas, institutions and human needs. Because of this reason, the educational model derives from the way of thinking the education in time, with its characteristics and peculiarities. There is an absolute necessity of a global, holistic, ecological approach to the uniqueness of the person in order to value its complexity (Titone, 1981; Ortega, 1992; Bateson, 1977) that will also guide the curricolo.
Rethinking university guidance in the perspective of lifewide learning and new digital technologies.
2015-07-30
In the twenty-first century italian universities are called to face up to new social and economic challenges, connected to the globalization, to the technological progress in production processes and the profound transformations of organizations. These developments affect the education system and universities to review the istitutional mission for a new dynamic and inclusive dialogue with stakeholders – schools, students, families, companies, public administrations – wich aims a new society based on knowledge, sharing and partnership. In the face of the threat of a dispersion of skills, public policies about guidance systems modernisation and lifelong learning are required to make citizens able to face the increasing complexity of social life. So, it’s necessary universities provide for the digitization of learning and communication processes, with the purpose to dialogue with the socio-economic system, ensuring the quality and relevance of their education offering and, at the same time, the innovation of scientific and cultural capital, to contend with the dispersion of skills and for a social inclusion and integration of people.
Learning, virtuality, hybridism: possible practices
2015-07-30
“To learn”, in the contemporaneous society, is even more an integrated and ubiquitous process (Schlemmer et alii, 2009). The learning processes are today frequently developed with in-distance methodologies, using digital technologies, social networks (Massarotto, 2011), simulations and gasification tools (Laux e Schlemmer, 2011). Methodologies and tools are developing toward hybrid and multimodal systems (Schlemmer, 2014), where different integrated technologies are combined to reach a composite audience of users/students with an hybrid/digital culture. Into these systems, ubiquitous practices and learning processes can be developed, able to reach an audience permanently connected, developing engagement in the created and cultivated virtual communities (Wenger, 2009). The virtual communities (Reinghold, 1994 e 2003; Malizia, 2008; Calvani, 2005) are changing in function of the participants’ cultural membership, a not-yet-digital hybrid culture, where “digital” is only one of the structural elements. This hybrid culture is characterized by a “digital nomadism” (Schlemmer e Backes, 2012), that becomes today the users’ ubiquity on the different fixed, mobile and wireless devices, besides the physical presence; the new practices developed in the learning processes has to deal with hybridism and multimodality. This work aims to propose a reflection on the potential and observable results of some technologies-concepts elaborated by the Research Group in Digital Education of UNISINOS university (Rio grande do Sul, Brasil), that is exploring and experimenting in the last years several success hybrid and ubiquitous learning practices, for the creation and cultivation of students’ virtual communities in the Bachelor and Master degree and in post-lauream courses. The success case can open the discussion on the possibile hybrid-digital practices in the learning processes, on possible applications and engagement modalities and levels for learning communities.

Su misura. Evaluation, Instructional Design and Improvement.
2015-07-30
Bespoke school. Almost a paradox: a meticulous attention to detail - similar to what happens in an atelier - for a large number of beneficiaries, school students, for which a prêt-à-porter solution would seem the only alternative. Nevertheless, during the clash with the organizational level, a reassessment of the assessment might be useful, aimed at promoting knowledge and as first step in instructional design and programming of educational activities. Su misura, digitized evaluation device, can therefore help to overcome the paradox. This service, through the diagnostic assessment, provides the information to build a in-progress student profile, which is essential for the next step: the instructional design of an individualized didactic activity that at the end of the year will be subject to a new evaluation function, summative assessment, conceived as a medium to promote greater awareness of the reasons of successes and failures and so promote improvements.

Instructional method of Problem Based Learning
2015-04-30
Problem Based Learning (PBL) is an instructional method by which students learn through simplified problem solving. Students work in collaborative groups to identify what they need to learn to solve a problem. This paper deals the nature of Problem Based Learning and examines as it helps students for developing flexible understanding and lifelong skills.   
Complex society and education
2015-04-30
The analysis of nowadays society, characterized by complexity, globalization and cosmopolitanism, detects the need for an educational process, characterized not only by being able to read and interpret these phenomena, but also to know how to learn, how to reason and essentially knowing how to think and knowing how to act and intervene in the reality in an original and creative way.
This process request the ability of the learner, through proper cognitive apprenticeship, to acquire cognitive autonomy, in order to learn how to learn independently as well as being aware of his learning process. This outcome has to be pursued in all stages of life and in every time and place of daily life. School, from this point of view, is called to use appropriate strategies and teaching practices, which are closely linked to the experience acting ad thinking of the learning person.

School-work alternance the new challenge: to enhance the experiences of the German model in Italy
2015-04-30
The relationship between the educational system, the world of work and the territory becomes strategic, since in the information and knowledge society to be able to field an effective local (glocal strategy), active policies in the field education, training and lifelong learning are presented as an essential factor for structural development in the modernization process of the country.
In this new perspective, the school-work alternance becomes an irreplaceable role, since the application of experience gained in the German model, that "force" the introduction of a significant innovation of teaching methods and lead to face the challenge of forming new technical and interpersonal skills. Ultimately, we should reverse the traditional epistemological approach and point to: "do not train more people for the job, but do the job training experience for the person".

E-learning in the information society
2015-04-30
In today's technologically advanced scenarios the e-learning takes a strategic relevance due to expansion on networks. The present paper describes the evolution of e-learning in recent years thanks to the development of new media and describe the new version of the e-learning environments make available to students a new Personal Learning Environment instead of traditional Virtual Learning Environment.
Forming occupational safety. Cinema fiction and documentary
2015-04-30
The issue of safety is of crucial importance today because of the number of dead white. Occur annually in Italy over 1,000,000 work accidents, more than 1,200 deaths. The New Consolidated Safety at Work (Decree 81 of 2008) brings together in a single text much of the previous legislation on safety issued over the last sixty years. Of fundamental importance is to convey the importance of health and safety in the workplace through the acquisition by the employee of a "culture of safety". This can be achieved using effective communication that meets the growing needs of information workers who become, in this way, an active and involved in the prevention system. Acting on communication means creating a space of encounter between all the actors of prevention in order to encourage the strengthening of the value of security and above all encourage the adoption of safe behavior. If the purpose is to promote the abandonment or modification of attitudes and behaviors unhealthy and unsafe, social marketing is a technique that can help us achieve this goal. According to the US economist Philip Kotler "social marketing is the use of the principles and techniques of marketing to influence the decision of a target group to accept, reject, or modify, voluntarily abandon a behavior in order to obtain a benefit for individuals, groups or society as a whole ". The projection film definitely has a great communicative power, movies can be used as a means to communicate the issues of health and safety at the workplace leading to a cultural change and that also may involve the worker from the point of view of his personal interests.

"At school of social media" is the title of the new book by Stefania Capogna published by Aracne
2015-04-30
The author, social researcher, expert in education and distance learning, has been interested in education systems, training and employment for years. This volume aims at stimulating a careful reflection on the role of the school in the network society to those who work in the communication field in general and, in particular, to trainers and teachers sensitive, and not, to teaching innovative methods.
Education, person and complexity. Existence between resilience, empathy and holism.
2015-04-30
The contribution proposes a terminology and educational analysis of person, not as a biological being, but as a complex, emotional, happy, and resilient. So starting from the epistemological position of human beings, according to educational theories, the complexity of emotion and in synergy with the holistic research will show the possible developments.
In the empirical analysis has become necessary to decompose, re-think, re-contextualise the person in a large, diverse social, cultural, perceptive. Then the characteristics of complex human being lie at the heart of the educational debate. Be positive is the leitmotiv for growing success, the outcome of the self, the overcoming of the difficulties, happiness. Much research by UNESCO, the OECD and those of OTAN are converging toward a common educational positivity objective of emotional understanding, meaningful success, the continuous increase of complexity in exist.
These are the reasons that support a unique being's epistemology, not conditioned by equipment, but external conditioning, a uniform context, where the emergency emotional expression and creative feature and mark the location of the complex growth.

The school dimensioning through the study of the case IC 'T. Mommsen'
2015-01-20
This essay presents the analysis of the school dimensioning which has been realized through the vertical organization choice of “Istituto Comprensivo of the school ”Mommsen” in Rome. The objective of this reflection is to consider risks and chances laid ahead by dimensioning. Our intention is to observe the experience of Mommsen school, to recognize improvements in strategy. The essay is articulated as follow. We start showing the “scenarios change” and normative references. Then, we present the procedure which trought the “IC Mommsen” school has faced this change to promote a general critical reflection. In fact, our goal is to replay to some important problems as the continuity, the closeness of local authorities or   the “new” school organization.
School reform: effective school leadership
2015-01-20
To ensure an equal and a quality education has become one of the key objectives of the European Commission’s strategic framework for cooperation in education and training (ET 2020). In this policy context, is important examines fundamental aspects of school and working conditions. Educators have long known intuitively that school leadership make a difference. School leadership is now an education policy priority around the world. Increased school autonomy and a greater focus on schooling and school results have made it essential to reconsider the role of school leaders (OCSE 2008). Effective education leadership makes a difference in improving learning. There is much room for improvement to professionalise school leadership, to support current school leaders and to make school leadership an attractive career for future candidates. This article examines some available evidence results and offers educators, policymakers and all researchers interested in promoting successful schools, some reflections to these vitally important questions. Also, is presented a framework for effective leadership; this can be used as a tool to analyze the practices of school leaders.
Teacher's training and evaluation culture
2015-01-20
Italian school is wondering about the changes to be introduced to improve the effectiveness of educational paths. These questions highlight the need to promote a culture of evaluation approaches by adopting new assessment on which to base educational decision-making processes in order to improve the quality of learning. To meet this requirement were initiated training projects for teachers, aimed in particular at schools in the regions of southern Italy, such as the "Plan of information and education on OECD-PISA and other national and international research", funded by PON. The project is based on the assumption that the improvement of learning outcomes and quality of teaching is inextricably tied to a strong renewal of in-service teacher's training. Has therefore developed a possible operational response to these needs, of that are presented lines of development and results.
The University and the Open learning challenge: the innovation of Mooc – Massive Open Online Courses
2015-01-20
The diffusion of open education is well represented by the ever-increasing free availability on the web of open educational resources and practices, without any restrictions on their use and reuse. In this paper, after a brief introduction on related literature of Open learning, we’ll examine MOOC (Massive Open Online Courses) pedagogical models, focusing light and shade.
Teaching and making history through cinema. Reflections on a research path and a didactic experience.
2015-01-20
In order to study, teach and write the history of the XX Century the use of audiovisual sources is critically important. Documentaries and fictions are essential in the reconstruction of the economical, social, political and cultural dynamics of the XX Century. Indeed, cinema has been defined as the “eye” of the 1900s. Films have a great power of information and suggestion and they are also a strong teaching tool. In the present essay the theoretical aspects of the relationship between history and cinema are reconstructed and interesting exemplifications of cinema and history paths are given.
The historical development of the Didactic Transposition concept in curricular project of disciplinary knowledges.
2014-10-20
The Didactic Transposition transform disciplinary contents to define the curricula of the corresponding disciplines "of school", through a process with a sequence of almost linear knowledges logically and epistemologically organized in the written text of the programs and textbooks. In this paper, after analyzing the concept from the point of view of the Chevellard’s studies conducted about it, the author who first coined the term, we focus on the developments that the didactic transposition had in Italy in recent years.
Using Social Networks at school. A case study
2014-10-20
With the advent of the web, the way we produce and manage knowledge has been profoundly changed. This technological development makes available ever more versatile instruments that are able to access and manage increasing quantities of diversified information. It is important to observe these new spaces of socialization in order to understand the way in which: new forms of sociability develop; different types of communities can interact within the new techno-social spaces and the incorporation process of new technologies in teaching and social practices in education. The essay focuses on the use of social network at school, with the intent of reconstructing the latest trends in the use of new and old mass-media methodologies applied to teaching, at the same time, observing the more interesting professional practices and experiences which emerge from the viewpoint of study and critical reflection.
L’io e l’ombra
2014-10-20
«Everyone – observes Herder – is a universe in which unknown inner strengths sleep in the shadow like kings never born». In our subjectivity there are great potentialities that we can not express during our life: these potentialities remains in the «dark side» of our shadow. According to Carl Gustav Jung, «everyone carries a shadow, and the less it is embodied in the individual's conscious life, the blacker and denser it is». The shadow is composed of the dark and unknown aspects of our personality: it describes the part of the psyche that an individual would rather not acknowledge. As Dostoevskij, Jung defines the shadow the «underground of our soul». It contains the denied parts of the self: since the self contains these aspects, they surface in one way or another. Bringing shadow material into consciousness drains its dark power, and can even recover valuable resources from it. The greatest power comes from having accepted our shadow parts and integrated them as components of our self. The person we choose to be, automatically creates a dark double: the person we choose not to be. Robert Louis Stevenson’s story of  Dr. Jeckyl and Mr. Hyde is the symbolic story of a man and his shadow. Everyone has his own shadow. The shadow refers to everything that has been repressed and embodies all of life that has not been allowed expression . It is the hidden side of the human psyche: our psychic twin that follows us like a mirror image. Although many people use the word «shadow» to refer only to the darker parts of our nature, it contains also the golden selves that we find it too risky to see or to allow ourselves to manifest during our life.
Dinamiche educative dei nuovi media: il rapporto educazione società in un contesto di apprendimento informale
2014-10-20
The paper explores the topics of new media and their influence towards new forms of socialization that generate new knowledge and new learning ability. The new media have changed the relations between human beings in all areas of society, and this is because they are able, thanks to new forms of communication, to standardize different lifestyles and facilitate informal learning methods.
Identità personale e vita quotidiana, identità digitale e vita digitale: la Persona verso una nuova consapevolezza
2014-10-20
Today the use of technology is characteristic element of our lives, thanks to this our potential is significantly increased in every daily activity. With the use of Internet, for example, we have the ability to locate information in countless times much shorter. The advantages offered by the technology are certainly many, but in this optical, must not be lost sight of the value that assumes the person, such as creator of the human culture itself, which must be able to make use of the technology, through a correct use so that it may be for the same person as a source of enrichment and discovery, thus dispelling the dangers that the world of technology itself may present.
Recensione del volume di Antonio Cocozza “Organizzazioni. Culture, modelli, governance”: l’approccio interdisciplinare proposto da Antonio Cocozza
2014-07-09
"Organizations. Cultures, models, governance" is the recent volume of Antonio Cocozza, published by Franco Angeli, that develops an original and interdisciplinary approach to the study of organizations, through the history and the evolution of organizational paradigms and the analysis of the role played by values and cultures in redefining of the person-oriented models. The purpose is to encourage a complete knowledge to develop organizational models and new business management policies that aim at innovation, quality and the central role of the individual.
Immaginare il cambiamento. Competenze narrative per la formazione e l’orientamento.
2014-07-09
The re-appropriation of meta-reflexive and narrative skills is a strategic imperative in order to be able to deal with awareness with the challenge of post-modernity , by getting used to rethink-ing one´s existential trajectories in the light of the past experiences and of the opportunities of the present,  to reasonably build  one´s future. Our scientific reflection wants to focus attention on the practice of autobiographical narrative, as an indispensable resource for change, in particular in adulthood, where it is more necessary than ever to re-read and enhance one's  significant emotional learning and professional experiences.
I risultati dell’indagine TALIS 2013 letti nell’ottica del sostegno alla professionalità degli insegnanti
2014-07-09
In the last years the professional development of the teachers has been considered an international and strategic field survey because it can be read both as instrument to reach quality standard increasingly, in terms of scholastic performance, both as means for the best educational offer in step with the complex and globalized economic-social system. In this paper we will tray to explain the context, in light of last results  OCSE’s with the survey TALIS 2013 (The OECD Teaching and Learning International Survey).
Intervista a Stefania Capogna
2014-07-09
A scuola di social media è un lavoro di ricerca teorico-empirica che si focalizza sul ruolo che l’istituzione educativa può e deve svolgere nella nuova società della rete che fa intravedere rinnovate configurazioni sociali attraverso cui la comunità può esprimersi.
Il pensiero intuitivo, «divergente» e «convergente».L’orizzonte «analogico-intuitivo-reticolare» e «logico-formale-razionale»
2014-07-09
Following this area of research, it is useful to mark the semantic link among knowledge, creative thinking and creative intuition. Creative intuition is an immediate cognition, perceptive «insight»: it is the act or faculty of knowing without the use of rational-logical processes. In this horizon, the term «insight» (in German Einsicht) means to see insight or «to see immediately» a solution: to define an immediate creative intuition with wich we can solve a problematic solution. It is the capacity to discern the true nature of a situation: the act or outcome of grasping the inward or hidden nature of things or of perceiving in an intuitive manner. Insight means «to see insight» a problem and understand the semantic relations among the principles of our knowledge. This cognitive process is connected to convergent thinking and divergent thinking. Divergent thinking is a thought process or method used to generate creative ideas by exploring many possible solutions. It is often used in conjunction with convergent thinking, which follows a particular set of logical steps to arrive at one solution, which in some cases is a correct solution. Divergent thinking typically occurs in a spontaneous, free-flowing manner, such that many ideas are generated in an emergent cognitive fashion. Many possible solutions are explored in a short amount of time, and unexpected and new connections are drawn and defined in our knowledge.
Risultati di apprendimento e prestazioni: la stima delle competenze attese
2014-07-09
The concepts of learning outcomes and outcome-based education are relevant for qualification and quality system development. These notions have features in common with the instructional objective movement, very popular in the 1960s, but recently the focus of the scientific debate on education process has shifted, at least to some extent, from learning achievement considered as a product to expected learning conceived as outcome. The outcome-based evaluation procedure is a systematic approach for identifying learning outcome criteria and for comparing results with expected outcome learning. In this perspective one of the dimensions of competence evaluation is student achievement assessment, that is aimed to determine if expected learning outcomes were attained as intended. The main purpose of the proposed model is to use Anderson and Krathwohl 2000’s Taxonomy as guidance in the assessment test design. Based on this redefined Bloom’s taxonomy the proposed approach provides a process of identifying, classifying, and clearly communicating specific outcome indicators, that are subsequently used to evaluate learning outcomes.
Ripensare il rapporto tra scuola e famiglia. Spunti di riflessione
2014-07-09
Cooperation between family and school is an important factor in promoting students success in learning and person's overall formation. Due to this, it is necessary to promote reflection on the reasons often hinder the establishment of a constructive dialogue between these two educational agencies.
How we think. Da Dewey alla contemporaneità dell'apprendimento
2014-04-09
In contemporary time, the continuous research about a possible theory approach for helped the learning activity, and associable to the use of electronics technologies is frequently the focus of a educative researches and questions. Dewey whit your pragmatism has modeled the educational objects on the exigencies of the Twenty century society, and the technological innovations, electronic and informatics asked for a rethinking about the methodology, whit the scope to actualize the pedagogical basis for deweyan pragmatism. In this scientific reflection, the author start to analyze epistemologically and communicative-educative aspects.
Strumenti, Didattica e Formazione
2014-04-09
The notion of education is linked to the acquisition of the alphabets needed to communicate, produce and be able to reflect on knowledge, but is also closely linked to the ability of each person to be able to combine, in a creative way, the alphabets acquired as well as to rework them in order to generate new knowledge and use these alphabets so that learners knows how to orient themselves in the multiplicity and diversity of contexts, in the logic of learning throughout life (lifelong learning). This requires the necessary dialectical interaction and synergy between the pedagogical-didactic model and the communication -praxeological model. So, it becomes essential, namely, that the two ontologies and the two epistemologies, the pedagogical-didactic and the praxeological-technological-communicative, may represent a unique and specific new field of investigation and intervention. This is because the tools as well as practices and teaching strategies are called to be supportive, to help the person/student so that his training should be assisted and facilitated by these same tools. Among planning, evaluation and technology, on the one hand, and between teaching practices and assessment tools, on the other hand, it has to be created and established a correlation as well as a very close symbiosis and synergy. These tools must be set in order to be functional and effective to achieve educational objectives (cognitive and social), as they must be of real help and support to the subject and, therefore, be at the service of his intellectual growth and development of logical and mental abilities. The underlying principle that is meant to emphasize is that there cannot be the domain of the theory at the expense of practice, as it is not possible the dominance of the practice without the support and legitimacy of the theory. Between these two scientific fields are required combination, synergy and synthesis.
Tutoring Sistema Formativo Europeo/Italiano
2014-04-09
Sulla base delle tematiche analizzate in questo saggio, vi sono alcuni temi di fondo che si collegano ad concetto di formazione che riconosce nella dinamicità e nella flessibilità elementi di fondamentale importanza per affrontare le sfide della globalizzazione e della complessità e quotidianità del vivere. La formazione viene riconosciuta come un bene primario poiché è di ausilio ai soggetti al fine di metterli nelle condizioni di saper governare i cambiamenti continui dominanti nell’attuale società della conoscenza in cui la competizione ha acquisito un elevato livello in tutti i campi, da quello economico a quello socio-culturale. Secondo tale scenario, la didattica ha necessità di allontanarsi da un’impostazione di livello generalizzato secondo cui i soggetti apprendono in maniera unidirezionale. Le nuove proposte aprono alla didattica nuovi orizzonti cosi che i soggetti sono chiamati a cambiamenti continui dettati spesso dall’evoluzione tecnologica che porta a ridefinire i concetti di tempo, spazio, memoria per cui centrale diventa l’autonomia e la flessibilità cognitiva di ciascuna persona.
La literacy: aspetti, usi e applicazioni
2014-04-09
Literacy is the word that we used to refer to competence’s set that include capacities to identify, understand, interpret, create, communicate and compute, using printed and written materials associated with varying contexts. “Literacy involves a continuum of learning in enabling individuals to achieve his or her goals, develop his or her knowledge and potential and participate fully in community and wider society” by UNESCO 2005.
Orientamento scolastico: strategia necessaria per progettare le proprie scelte
2014-04-09
The process of school orientation is a central theme in our post-industrial society. There is an increased need to find new strategy to orient ourselves. In this way, the school and the persons engaged in orientation process must find articulated and complex strategies. In this paper we will try to answer the following questions: “How the school supports and facilitates orientation process?”; Which culture orientation is needed? What does it mean to orient in terms of objectives, strategies and resources for school?
Action Learning: una metodologia didattica basata sull’esperienza
2014-04-09
The action learning is a model that adapts to corporate education because is appropriate for the management training and Company’s development. The action learning is a work integrated for this reason, using the model of action learning, the management is helped to improve their knowledge and skills. The action learning helps the exchange of ideas and experiences with other members of the working group.
Nuovi compiti per la Pedagogia
2014-04-09
La riflessione sui compiti educativi non può ignorare le trasformazioni in atto, cambiamenti che accomunano e avvicinano contenuti, metodi e linguaggi che concorrono a definire lo statuto epistemologico di ogni disciplina. Anche la pedagogia avverte la necessità di ridefinire costantemente i suoi modelli e le teorie, per dichiararsi un “sapere in fieri”, aperto al dialogo costruttivo con le scienze umane, impegnata come essa è nel delineare cornici di senso nelle quali contestualizzare un nuovo impegno educativo, capace di porre traguardi di crescita e di sviluppo umano consapevole.
E-learning e formazione continua universitaria: un caso di studio
2014-01-09
Il tema centrale su cui si è basato questo percorso di ricerca è l’“E-learning e la formazione continua universitaria”. L’oggetto di analisi della ricerca è rappresentato dal Master universitario di II livello “Il Dirigente Scolastico nella Scuola dell’autonomia” – DSSA – attivato, nell’a.a. 2010/20114 presso l’Università degli studi di Roma Tre - Facoltà di Scienze della Formazione -, in   modalità didattica blended. 
Le Comunità di Pratica professionali: un ponte tra le persone e l’organizzazione
2014-01-09
L’articolo esplora i processi organizzativi e gli strumenti che concorrono alla trasformazione della conoscenza personale in conoscenza sociale, attraverso lo sviluppo di Comunità di Pratica professionali. In particolare il saggio approfondisce il ruolo as-sunto dalle nuove tecnologie nei processi di valorizzazione del patrimonio cognitivo dell’organizzazione e le buone pratiche per una progettazione efficace di ambienti online a supporto delle comunità di pratiche professionali.
Le nuove tecnologie didattiche
2014-01-09
Nell’affrontare la problematica relativa alle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni (TIC), è prioritariamente e scientificamente importante riuscire ad individuare, all’interno delle molteplici attività sviluppate in modalità e-learning, dei criteri guida e dei modelli didattici per un loro adeguato utilizzo al fine di migliorare la qualità della didattica e del processo formativo. L’intento è quello di cercare di limitare o almeno ridurre a tassi percentuali accettabili gli abbandoni e la mortalità scolastica e universitaria, consentendo a tutti di poter continuare e completare gli studi, senza per questo mettere a rischio la qualità degli apprendimenti, del servizio erogato e complessivamente della formazione.
Il metodo di studio efficace. Illusione o possibilità concreta?
2014-01-09
Il metodo di studio correttamente inteso e gestito è tutt'altro che uno strumento statico. É piuttosto una pista di lavoro - o meglio una strada, come il termine stesso indica - attraverso la quale condurre lo studente alla costruzione progressiva dell’autonomia personale nello studio. Le tecniche utilizzabili per realizzarlo variano in base alle caratteristiche personali, non solo cognitive e di apprendimento, ma anche alle peculiarità individuali intellettive e caratteriali.
Il burnout a scuola. Un problema in espansione
2014-01-09
Il burnout, che da alcuni anni sembra colpire numerosi professionisti in campo socio-educativo, è una problematica che attualmente investe in modo importante il corpo docente della nostra scuola. L'intervento su quello che può essere visto riduttivamente e semplicisticamente come uno stato di malessere dell’insegnante investe e interroga l’istituzione scolastica nel suo complesso e la sollecita a intervenire per trovare soluzioni.
“Nativi digitali” ed “Immigrati digitali” verso una “Saggezza digitale”
2014-01-09
Con l’avanzare prepotente della tecnologia, sia nelle abitudini quotidiane di vita, tanto quanto “nell’azione didattica” a scuola, sembra utile iniziare a parlare di un nuovo concetto: quello di “saggezza digitale”, proposto e corroborato nelle recenti ricerche dello studioso americano, Marc Prensky.
Social network e Educazione: una convivenza possibile
2014-01-09
Il repentino sviluppo degli ultimi anni dei social network ha avuto come diretta conseguenza un cambiamento radicale delle modalità stesse di utilizzo della rete da parte di tutti coloro che in essa hanno riconosciuto un ambiente “da abitare” e che, nel corso del tempo hanno cercato strategie diverse di adeguamento ad un contesto digitale in rapida evoluzione. Di fronte a questo processo inarrestabile anche il mondo educativo  ha dovuto in qualche modo interrogarsi sulla necessità di ridisegnare il proprio percorso di vita facendo i conti anche con le resistenze che le tecnologie incontrano soprattutto in un mondo, quale quello scolastico, ancora oggi  troppo ancorato al passato. Data la complessità del tema e, per l’economia del discorso, limiteremo l’analisi dell’oggetto di studio di questo saggio ad alcune piste di riflessione: quali sono i tratti salienti dei social media e che importanza essi hanno per l’apprendimento degli allievi e, a largo raggio per l’educazione; quali sono i punti di forza e/o di debolezza dell’uso dei social network nel processo di istruzione.
I Disturbi Specifici di Apprendimento. Parte seconda. Conoscere e riconosce i DSA
2013-10-07
Per la diagnosi dei DSA occorre fare riferimento ai criteri diagnostici stabiliti dalla comunità scientifica, senza indulgere nella tentazione di offrire spiegazioni di senso comune, pericolosamente facili e rassicuranti. I criteri, infatti, guidano un processo valutativo capace di delineare un quadro secondo gli standard dettati dai manuali diagnostici. Se la valutazione appartiene agli specialisti, la conoscenza delle caratteristiche dei singoli disturbi può aiutare genitori e insegnanti a leggere nel modo corretto le difficoltà del bambino, e anche a prestare attenzione ai campanelli d’allarme che possono indicare precocemente la presenza un Disturbo Specifico di Apprendimento.
La mente creativa. Intuire, creare, definire, capire, conoscere
2013-10-07
La creatività assume una funzione particolarmente significativa in rapporto ai nostri processi cognitivi, come l’intuizione, la percezione, il pensiero analogico, la simulazione, l’associazione di idee, la ricerca nel contesto di un problema strutturato, la rielaborazione personale, il pensiero critico. La creatività coinvolge non solo il profilo cognitivo e metacognitivo, ma anche l’orizzonte emotivo e affettivo-motivazionale della nostra soggettività, costituito da sentimenti, intuizioni, bisogni, emozioni, pulsioni, passioni, desideri.
La valutazione partecipata e il S.N.V.: favorire la collegialità e la costruzione di prove comuni attraverso una risorsa web
2013-10-07
Un recente regolamento sul sistema di valutazione ci permette di riprendere una questione assai più ampia e di carattere squisitamente pedagogica: la formazione dei docenti di una competenza nella “valutazione scolastica” e la necessaria dimensione collegiale che essa dovrebbe avere per evitare eccessi di soggettività e autoreferenzialità.
Valore Cultura, Persona ed Educazione
2013-10-07
La cultura rappresenta sicuramente la carta vincente di ogni popolo e gestirla come monito per far crescere e prosperare le nuove generazioni, sembra essere uno degli obiettivi essenziali per ottenere risultati sia in termini economici, che in termini umanistici e valoriali.
Il sostegno e la cura della coppia genitoriale con un figlio in situazione di disabilità
2013-10-07
L’articolo analizza in profondità il vissuto emotivo della coppia genitoriale e del sistema familiare allargato coinvolto nella  nascita di un bambino in situazione di disabilità. L’obiettivo è tracciare percorsi di accompagnamento virtuosi che coinvolgano i professionisti della relazione d’aiuto nel sostegno alla famiglia impegnata nel complesso processo di riorganizzazione della propria vita familiare. A livello teorico la nostra riflessione si ispira agli studi sull’attaccamento, all’Enfant Research e alla teorie sulla resilienza.
L’analisi della pratica didattica: procedura importante nella definizione dell’identità professionale dell’insegnante
2013-10-07
Il testo esplora i presupposti epistemici che rendono l’analisi delle pratiche educative oltre che una procedura di indagine conoscitiva, una modalità di formazione al pensiero riflessivo.
I molti volti del disturbo della condotta
2013-10-07
Il Disturbo della Condotta costituisce un’alterazione del comportamento in cui l’aggressività è amplificata e deflagrante; investe la vita personale e sociale dell’individuo, con effetti che tendono a permanere nel tempo. Si tratta di un disturbo complesso, che presenta molteplici elementi di comorbilità con altri disturbi. è perciò particolarmente importante per chi opera in campo educativo conoscerne le diverse caratterizzazione, per evitare rischio di etichettature improprie, dettate dal senso comune o dal timore che le manifestazioni aggressive possono suscitare.
Master di I livello in "La Metodologia Metacognitiva nei processi di Apprendimento Mediato. Il Programma di Arricchimento Strumentale di Reuven Feuerstein"
2013-10-07
Il Master è finalizzato alla formazione e all’aggiornamento di insegnanti, educatori e personale sanitario (psicologi, logopedisti, terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, ecc.) sul Programma di Arricchimento Strumentale (PAS) di Reuven Feuerstein 1° e 2° livello. I corsisti acquisiranno conoscenze teoriche sui meccanismi cognitivi che governano i processi di apprendimento, sulla didattica metacognitiva e sulle componenti motivazionali dell'insegnamento-apprendimento.
Multimedialità e apprendimento
2013-10-07
L’uso delle nuove tecnologie della comunicazione  e dell’informazione (ICT), a seguito della rivoluzione digitale, che pone al centro della propria attività il processo che si sviluppa più che il prodotto, ha radicalmente modificato il modo di pensare dell’uomo, provocando notevoli ricadute ed effetti nella stessa organizzazione dei saperi e della conoscenza.
Prima traduzione ufficiale del Cuestionario Honey-Alonso de Estilos de Aprendizaje (CHAEA) in lingua italiana. Sperimentazione avviata all'Università di Firenze.
2013-07-10
A partire dal 2011, su incarico del Prof. Domingo J. Gallego con motivo di espansione dell'area di ricerca e applicazione del questionario CHAEA, è stata avviata in diretta collaborazione con la UNED di Madrid, la prima traduzione dello strumento docimologico in lingua italiana, il Questionario Honey-Alonso degli Stili di Apprendimento. L'intento di questo nuovo studio è stato quello di coinvolgere anche istituzioni italiane, nella divulgazione e ampliamento dello spettro di ricerca del Questionario. La possibilità di procedere alle prime sperimentazioni è stata offerta dalla collaborazione con il Prof. Luca Toschi, presso l’Università degli Studi di Firenze e con il supporto del CSL - Communication Strategies Lab del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali. Con la collaborazione e disponibilità del CSL, si è proceduto alla prima applicazione italiana.
Verso una “logica di dimostrazione” per la validazione delle competenze non formali e informali
2013-07-09
Con la legge di riforma del mercato del lavoro (L. 92/2012) e il successivo decreto legislativo (Dlgs 13/2013) anche l’Italia si sta interessando in maniera concreta al tema della validazione degli apprendimenti pregressi a carattere non formale e informale – in primis quelli acquisiti nell’ambito lavorativo – e ciò interessa anche il mondo universitario.
L’empatia
2013-07-08
Aprendo un qualsiasi dizionario della lingua italiana, rispetto al concetto di empatia, troviamo la seguente definizione: “Capacità di capire, sentire e condividere i pensieri e le emozioni dell’ Altro, in una determinata situazione”. Filosofeggiando, potremmo esprimerla come la supposizione di una fusione emotiva tra il soggetto e l’oggetto della conoscenza, nel campo chiaramente delle scienze umane.
Disturbi del comportamento e intervento educativo. Parte prima. Il Disturbo Oppositivo Provocatorio
2013-07-08
Nella pratica educativa in generale, e scolastica in particolare, non è infrequente incorrere in situazioni relazioni e sociali compromesse per la presenza di Disturbi del Comportamento. La situazione-problema che si viene a creare è fonte di ansie-  e in alcuni di casi di paura- per tutti coloro che sono coinvolti. Nella  serie di contributi sui questa particolare tipologia di disturbi che si apre con questo articolo verranno presentati alcuni disturbi del comportamento e dell'apprendimento con le relative tecniche di trattamento, allo scopo di fornire suggestioni utili alla strutturazione di un intervento pedagogico ed educativo efficace. L'adozione di una particolare procedura operativa corrisponde a una scelta dettata da una consapevolezza professionale basata sulla conoscenza tanto del fenomeno quanto delle modalità interpersonali e procedurali funzionali alla ristrutturazione del repertorio comportamentale.
Verificare la reading literacy degli allievi attraverso nuovi approcci: il modello di Costruzione e Integrazione
2013-07-08
La comprensione della lettura è un processo oggetto di studio da diversi anni e rispetto al quale molteplici sono i tentativi di farne un modello di riferimento sopratutto per gli insegnanti. Gli studi presenti in letteratura sull’argomento differiscono molto tra loro a seconda dell’approccio da cui si parte: linguistico, sociale o psicologico. Tuttavia, la base comune da cui tutti partono è la natura processuale della comprensione e il ruolo attivo giocato dal lettore nella costruzione di significato. In questo saggio analizzeremo alcuni dei modelli presenti in letteratura utili a fornire ai docenti indicazioni preziose circa quali strategie di insegnamento/apprendimento possano favorire l’acquisizione di specifiche abilità di lettura negli allievi.
L’altro nelle parole
2013-07-01
Il tema dell’alterità, con il richiamo continuo alla natura irriducibile della diversità dell’Altro, di cui Emmanuel Lévinas è interprete, pare essere una costante di questo particolare periodo storico. Le ragioni che legittimano il discorso pedagogico sull’altro sono molteplici. Si tratta, difatti, di un approccio che la pedagogia comparata e la pedagogia interculturale privilegiano.
Education, lavoro e lifewide learning
2013-04-08
Nel nuovo scenario globale, è ormai largamente diffusa, tra i governi dei principali Paesi Ocse, la convinzione che l’apprendimento durante tutto l’arco della vita è sempre più un requisito essenziale per poter accedere ed integrarsi nel mercato del lavoro, così come il costante aggiornamento delle competenze è diventato un  elemento chiave nella lotta contro la disoccupazione e la possibile esclusione sociale. In merito alla rilevanza di queste questioni, negli ultimi giorni tre dati hanno messo in evidenza la necessità e l’urgenza di un intervento decisivo sulle tematiche dell’istruzione, dell’alternanza scuola-università-lavoro e dell’apprendimento permanente, ispirato al nuovo paradigma  della lifewide learning.
I giovani e il cyberbullismo
2013-04-08
In occasione del “Save Internet Day”, la giornata europea per promuovere tra i più giovani l'utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media, tenutasi il 5 febbraio scorso, sono stati presentati i risultati di una ricerca che, oltre a fornire una fotografia delle abitudini di fruizione del web da parte dei ragazzi italiani, indaga sull’inclinazione di pre-adolescenti e teenager a far uso delle tecnologie per una socialità sempre più aggressiva e denigratoria.

Autostima e concetto di sé, in sede educativa
2013-04-08
Il concetto di sé, è qualcosa che si eleva ad un gradino superiore della comprensione di sé. I bambini non cercano solo di definire e raccontare gli attributi del sé (comprensione del sé), ma valutano anche tali attributi. Queste valutazioni creano l’autostima e il concetto di sé, e hanno implicazioni di una portata di dimensioni considerevoli per il loro stesso sviluppo.
Riconoscere il bullismo
2013-04-08
Prendere consapovelozza delle molteplici forme con cui si manifesta il bullismo, vuol dire sgombrare il campo dai luoghi comune che spesso mistificano, fino a giustificarlo, il fenomeno del bullismo; ancor più significa affinare l’attenzione verso tutti i fattori predittivi su cui questo poggia. È sulla base di questi, infatti, che è possibile predisporre una rete educativa che supporti sia la vittima, aiutandola a uscire dal processo di vittimizzazione, sia il bullo nella ricostruzione di un repertorio comportamentale adattivo.
Capacitazioni e benessere soggettivo
2013-04-08

Comprendere come si caratterizza il benessere soggettivo è importante poiché la capacitazione delle singole persone è influenzata dalla percezione che queste hanno del proprio stato di ben-essere. Lo sviluppo dei funzionamenti dei singoli, derivanti dalle capacitazioni esprimibili (soprattutto in ragione dei cambiamenti che l’attuale situazione socio-economica impone) può essere sostenuto più adeguatamente, infatti, attraverso policy generate dalla conoscenza dello stato della percezione del ben-essere della popolazione beneficiaria. Recenti ricerche hanno dimostrato che è possibile raccogliere dati significativi e attendibili sul benessere soggettivo, dimensione che comprende tre diversi aspetti: valutazioni cognitive soggettive della propria vita; l’affettività che prevede le emozioni positive (gioia, orgoglio; l’affettività riferita alle emozioni negative (dolore, rabbia, preoccupazione).

I Disturbi Specifici di Apprendimento. Parte prima. Caratteri generali e indicazioni legislative
2013-04-08
I Disturbi Evolutivi Specifici dell'Apprendimento (DSA) costituiscono un'area di interesse clinico nella quale, grazie ai numerosi contributi derivati dalla ricerca scientifica e dall'affinamento delle tecniche di indagine diagnostica, si è realizzato negli ultimi trent'anni un importante avanzamento delle conoscenze. Questo consente oggi di condividere la definizione e la classificazione dei DSA anche tra professionisti e specialisti di diversa formazione che lavorano in questo campo con competenze specifiche.
L’apprendimento attraverso la narrazione: dal Once upon a time al Digital Storytelling
2013-04-08
L’articolo intende presentare l’efficacia del dispositivo del Digital Storytelling inserito come attività di apprendimento.

I prodromi della cultura inclusiva nel pensiero pedagogico libertario di Paul Robin
2013-04-08
La cultura dell'inclusione, per essere/farsi tale, ha bisogno di diffondersi e di essere/farsi diffusa, di radicarsi e di essere radicata. Per tale ragione è particolarmente significativo (e forse opportuno, per non dire necessario) intraprendere percorsi di ricerca storica nell'ambito dell'educazione dei disabili, dei marginali, dei diversi (meglio sarebbe dire nell'ambito delle questioni inerenti le disabilità, le marginalità, le diversità, ecc...) per rintracciare i prodromi del pensiero e della cultura inclusiva. Assumendo tale prospettiva di studio è possibile individuare e perseguire alcuni itinerari di indagine e di riflessione.

La vera scuola insegna a scegliere
2013-04-08
Esaminiamo con un occhio rivolto fuori dal “cortile” come vengono raccontati i protagonisti delle nostre aule. “Bamboccioni, condannati a trenta anni di adolescenza”? C’è da fare i conti con alcuni segnali e alcune domande: è la prima generazione che costruisce la sua esperienza del mondo per autoapprendimento invece che per scambio affettivo della generazione precedente?
Intelligenze e sfide planetarie
2013-01-11
Riviste, studi di settore e ricerche scientifiche propongono piuttosto frequentemente il termine “intelligenza”, usato non solo per definire una specifica facoltà umana che si riconduce agli emisferi cerebrali, quanto per indicare un modo di essere che rivela un soggetto capace ed abile nel vivere il proprio tempo.
I disturbi di apprendimento
2013-01-11
Il termine disturbi di apprendimento (Da), raccoglie in sé diversi significati, poiché può riferirsi a situazioni molto diverse tra loro: nel senso più generale, esso comprende ogni tipo di condizione che esprime “bisogni speciali”. Più in particolare, tale termine può riferirsi a casi di ritardo mentale lieve o a casi in cui sono manifesti “disturbi specifici dell’apprendimento”, e cioè problemi legati ad alcune competenze quali la lettura, la scrittura ecc.
La valutazione: un problema sempre aperto
2013-01-11
La valutazione è una delle operazioni didattiche più sensibili dell’intera architettura educativa. Essa è una azione complessa in quanto richiede numerose competenze, tra cui un elevato spirito critico, una analisi dettagliata dei risultati a cui si è giunti ed una sintesi capace di penetrare all’interno dell’anima delle cose e degli eventi.
Il significato psicologico del viaggio
2013-01-11
Il viaggio nasce dalla reale necessità dell’individuo di scoprire e di conoscere nuovi spazi e dimensioni. E’ una spinta vitale oltre quel perimetro che delinea il quotidiano campo di azione, nel quale ogni singolo soggetto si colloca ed interagisce. Lo scopo di questo articolo è quello di analizzare gli aspetti intrinseci del viaggio a partire dalle motivazioni che inducono ad organizzarlo per poi analizzare sia gli aspetti positivi che negativi che possono scaturire da questa esperienza.
La digital literacy nei documenti dell’Unione Europea (1)
2013-01-11
Gli studi pedagogici degli ultimi anni hanno mostrato un forte interessamento verso i media, attori incontrastati dell’attuale periodo storico e in modo particolare hanno posto lo sguardo sul concetto di competenza mediale assoggettato, nella letteratura internazionale di riferimento, alle più varie e controverse definizioni, che lo vogliono, a seconda dei casi, media competence, oppure compétence médiatique, o ancora competencias en medios, tutte espressioni che, nella stragrande maggioranza dei casi, finiscono per essere tradotte con media literacy, nonostante rappresentino significati profondamente diversi.
La formazione non istituzionale. Aspetti del riconoscimento e della certificazione
2013-01-11
Nel corso degli ultimi anni la maggior parte degli Stati membri dell’Unione Europea ha sottolineato l’importanza fondamentale dell’apprendimento permanente e, in rapporto a questo, della formazione non formale e informale. L’interesse si è focalizzato così sulla formazione che avviene al di fuori e in aggiunta all’istruzione e formazione istituzionale,  portando a un crescente numero di iniziative a carattere sia politico sia pratico. Nel presente articolo si evidenziano le tematiche che si devono affrontare nel momento in cui si vuole realizzare un sistema di riconoscimento della formazione non istituzionale, tenendo presente anche gli indirizzi espressi dalla Comunità Europea.
MOOC: Confunde et impera!
2013-01-11
Si può definire il 2012 come l’anno del MOOC, dove MOOC è l’acronimo di Massive Open On-line Courses con il quale viene ormai diffusamente indicata la forma di didattica online, in modalità web-based e ricca di contenuti plurimediali, che prevede la possibilità di scegliere tra un gran numero di corsi di livello universitario, erogati generalmente in forma gratuita e accessibili ad un numero praticamente infinito di utenti.
La trasversalità delle competenze
2013-01-11
Il grado di padronanza con cui ciascuno gestisce le competenze trasversali influenza in modo importante la qualità delle sue prestazioni nei diversi contesti di vita, agendo in maniera decisiva sulla possibilità di sviluppo delle risorse individuali e dei diversi domini di competenza (relazionale, affettivo, sociale), nonché sulla gestione autonoma e strategica della vita personale. L’uso trasversale delle competenze facilita e rende più efficace il mettersi in relazione con l’ambiente fisico e sociorelazionale, come anche la gestione operativa di compiti e ruoli, in coerenza e nel rispetto di valori, atteggiamenti, motivazioni e identità.
Master Internazionale Interuniversitario di II livello in “Sociologia: Teoria, Metodologia, Ricerca”
2013-01-11
Si tratta di un corso di studi che completa quello che, magari, in un corso di laurea non s’è potuto fare.
La valutazione dei risultati scolastici: l’uso delle prove nazionali in Europa
2012-10-02
Le prove nazionali di valutazione degli alunni sono diventate sempre più importanti in Europa quale strumento per misurare e monitorare la qualità dell’istruzione, e per strutturare i sistemi educativi dei vari paesi. L’interesse per l’argomento è legato a un dibattito politico svolto nei paesi europei circa la possibile introduzione dei test nazionali come strumento per migliorare la qualità dell’istruzione. Scopo di questo articolo è di presentare i risultati di alcune indagini comparative sullo sviluppo, le finalità e l’organizzazione delle prove nazionali nei paesi della rete Eurydice e osservare come i loro risultati sono utilizzati nella carriera scolastica dei singoli allievi, nonché a livello di istituto scolastico e di sistema educativo.
Essere studenti all’università. Primi risultati di un’indagine esplorativa per l’individuazione di profili di competenza
2012-10-02
In questo contributo sono presentati i primi risultati di una ricerca esplorativa finalizzata a creare un bagaglio informativo utile a delineare un profilo degli studenti universitari, tenendo conto di alcune dimensioni direttamente e indirettamente legate alla loro attività di studio e al loro interagire con un sistema didattico-formativo che cambia e che è sempre più sensibile alle aspettative e ai bisogni degli studenti.
I giochi dei bambini
2012-10-01
Il gioco possiede una struttura complessa, stratificata in livelli diversi, nella quale ogni livello ha una ricaduta sugli altri. In sostanza tale stratificazione, che si muove tra un livello più evidente e uno più celato, nascosto e profondo, è composta da un'unica materia: la materia ludica.
Apprendere l’altruità e diventare Persona
2012-10-01
L’espressione “altruità” ad una prima lettura potrebbe sembrare discutibile, quanto meno equivocabile se non addirittura scorretta e pertanto sostituibile con il termine “altruismo”, ma non lo è, se capace di offrire una nuova possibilità di interpretazione circa le relazioni umane e le risorse personali.
L’intelligenza tra identità e diversità
2012-10-01
Al comune parlare di intelligenza non sempre corrisponde una chiarezza di significato, soprattutto se si confrontano le varie accezioni e valenze che a tale termine vengono accostate nei diversi contesti educativi.Nell’ultimo trentennio, costatando una notevole quanto recente accelerazione data principalmente dalle scoperte neurologiche e dal progresso tecnologico, il termine intelligenza ha assunto nuove prospettive e significati rispetto al passato.
Diventare famiglia attraverso l’adozione. Strumenti psicologici e legislativi per definire l’idoneità della coppia.
2012-10-01
Una coppia che desidera arricchire la propria famiglia attraverso l’accoglienza di un figlio adottivo, si trova ad affrontare alcune problematiche specifiche che caratterizzano e condizionano l’intero iter adottivo. Il contributo mira ad offrire un quadro unitario dal percorso che la coppia deve seguire per vedere riconosciuta la propria idoneità all’adozione sia da un punto di vista legale sia, soprattutto, dal punto di vista affettivo-relazionale e cognitivo. A tale scopo vengono pertanto approfonditi gli elementi generali relativi alla transizione che la coppia vive nel momento in cui, adottando un bambino, costruisce la propria genitorialità (o la ricostruisce nel caso in cui l’adozione segua la nascita di figli naturali) in rapporto all’evento adottivo.
Genitori e Tecnologia (1)
2012-10-01
Un recente studio ha scoperto che 7 su 12 bambini sotto i 12 anni, le cui famiglie possiedono un tablet, utilizzano i dispositivi dati loro dai genitori per tenerli occupati durante un viaggio o nelle attese in ristorante.
Orbene, se come regola generale i dispositivi high-tech non devono essere utilizzati come baby sitter, a volte occorre inchinarsi alla realtà: molti genitori moderni non sarebbero sopravvissuti facilmente se iPad e iPhone non fossero stati lì a portare pace in momenti occasionali, ad esempio per poter gustare una cena fuori una volta ogni tanto o per parlare con l'altro coniuge senza doversi destreggiare tra figli.

Il docente multimediale
2012-10-01
È un manuale operativo, uno strumento che accompagna il docente nella realizzazione e nell’uso consapevole degli oggetti digitali. Nella scuola, sempre più multimediale, diviene strategico per il docente attivare procedure di navigazione e di recupero delle informazioni che consentano la predisposizione diversi percorsi esplorativi. Il riutilizzo delle risorse reperite in rete comporta d’altra parte anche una certa familiarità con strumenti di editing per realizzare degli oggetti multimediali destinati ad una efficace comunicazione didattica. Grafica, video e suoni sono adottati non più e non solo come sussidi ma soprattutto come oggetti digitali in grado rendere significativo l’apprendimento e facilitare la comunicazione didattica. In questo volume, per la prima volta, è possibile un utilizzo didattico e interattivo del codice QR (Quick Response). Il libro si affaccia sulla Rete: uno smartphone e un click sul codice a barre attivano link a pagine web e contenuti multimediali visualizzati immediatamente nel display del cellulare. Nel DVD, oltre all’intero testo interattivo, multimediale ed utilizzabile con la LIM, sono disponibili strumenti freeware descritti nella pubblicazione, immagini e risorse audio utili per la progettazione e la sperimentazione in aula dei percorsi digitali.
La struttura operativa d’impresa: alcune precisazioni sulle immobilizzazioni materiali (1)
2012-10-01
Un aspetto di fondamentale importanza per la comprensione del comportamento strategico d’impresa e della relativa gestione operativa consiste nello studio della struttura operativa ovvero del suo assetto patrimoniale. Intendiamo qui riferirci in primo luogo all’entità ed alla composizione degli investimenti realizzati nonché alle fonti dalle quali sono stati attinti i relativi mezzi finanziari.  Al fine di poter effettuare una valutazione sia degli equilibri verticali (ovvero tra le differenti categorie sia di investimenti che di fonti) che di quelli orizzontali (relativi alla correlazione tra investimenti e fonti di copertura) è opportuno in primo luogo soffermarsi sul significato che la classificazione degli investimenti contenuta nello Stato Patrimoniale prevista dall’art. 2424 del Codice Civile assume nel bilancio d’esercizio. In questa sede ci soffermeremo, in particolare, sui beni materiali destinati ad essere utilizzati durevolmente (fattori produttivi a fecondità ripetuta) nonché sul fenomeno dell’obsolescenza e sulle logiche dell’ammortamento contabile e fiscale.
Sistemi di audit a confronto per la gestione della performance aziendale
2012-10-01
Le problematiche legate allo svolgimento della funzione imprenditoriale comportano – per loro natura – la rivisitazione continua dei processi e dei modelli decisionali, da cui deriva il modo di fare impresa nell’attuale ambiente competitivo. Lo dimostrano, ad esempio, i cambiamenti che il legislatore ha apportato ad alcuni schemi tecnico-giuridici, economici e procedurali, di specifica applicazione di aziende che intendono misurare e migliorare la loro performance, e che oggi subiscono una fase di cambiamento e ri-adattamento alle specifiche esigenze dell’attuale congiuntura economica.
L’intelligenza tra identità e diversità
2012-10-01
Al comune parlare di intelligenza non sempre corrisponde una chiarezza di significato, soprattutto se si confrontano le varie accezioni e valenze che a tale termine vengono accostate nei diversi contesti educativi.Nell’ultimo trentennio, costatando una notevole quanto recente accelerazione data principalmente dalle scoperte neurologiche e dal progresso tecnologico, il termine intelligenza ha assunto nuove prospettive e significati rispetto al passato.
I volti delle “emozioni” nella formazione e-learning. Parte prima.
2012-10-01
Il legame tra variabili cognitive e affettivo-motivazionali e relazionali, argomento noto alle neuroscienze, alla psicologia cognitiva e agli studi di settore sull’intelligenza artificiale, ha da diverso tempo trovato uno spazio significativo anche a livello di formazione online. Un contesto d’apprendimento questo supportato dall’utilizzo delle nuove tecnologie nel quale cresce l’interesse verso il ruolo  nodale che la dimensione socio-affettiva ha nello scambio comunicativo e nell’azione collaborativa tra i membri del gruppo. In questo primo contributo analizzeremo alcune delle ricerche che nel corso degli anni hanno approfondito il ruolo delle emozioni nel processo di apprendimento online.
Quando il lavoro malato diventa male di vivere. Protagonisti e dinamiche del mobbing
2012-10-01
Nel suo essere un fenomeno sociale, il mobbing è altamente antisociale; i danni che da questo derivano sono infatti talmente gravi da far parlare di malattie specifiche da mobbing. Le ripercussioni sullo stato psico-fisico della vittima hanno un effetto deflagrante, che si traduce nell'invalidità psicologica. Conoscere gli aspetti situazionali e le caratteristiche degli attori della dinamica di mobbizzazione significa porre le basi per una corretta lettura della realtà lavorativa nella quale si è inseriti, e al tempo stesso comprendere su quali fattori agire per prevenire o fronteggiare un problema i cui costi sociali – per quanto noti – sono forse ancora sottostimati.
“Chi è l’insegnante di sostegno?”
2012-07-02
Se la relazione educativa nell’istituzione scolastica appare basata sul rapporto allievo - insegnante, inevitabile e doverosa è la riflessione sulla figura dell’insegnante che deve confrontarsi con le diverse situazioni di disabilità.
Connessi ma soli (1)
2012-07-02
Sherry Turkle è una psicologa che studia da anni come i dispositivi elettronici e i nostri profili online stiano ridefinendo le connessioni umane e la comunicazione.
La dipendenza da lavoro. Contributi psicologici allo studio del fenomeno
2012-07-02
Nella società odierna il contesto lavorativo sottopone l’individuo a continue richieste, che varcano la soglia delle possibilità umane, andando ad incidere, in maniera negativa, sulla sua vita privata e relazionale. La compressione del tempo libero a favore di una crescente e invadente pervasività dell’attività lavorativa, ha determinato, all’interno della collettività, l’insorgenza di nuove forme di dipendenza, caratterizzate dal bisogno ossessivo di riuscire a dimostrare agli altri di “essere in grado di”, compromettendo la propria salute psico-fisica.

La ricerca europea sull’inserimento delle TIC nell’istruzione e nella formazione professionale
2012-07-02
Le tecnologie TIC possono dare un contributo fondamentale al potenziamento, allo sviluppo e all’innovazione dei sistemi d’istruzione e formazione professionale. Per questo motivo, la Commissione Europea ha condotto molti studi di approfondimento sull’uso delle TIC, in funzione della scelta da parte degli stati membri dell’Unione europea di promuovere l’innovazione e il cambiamento dei sistemi scolastici attraverso l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. La Commissione ha stabilito in alcuni documenti che le TIC possono agevolare la creazione di processi formativi commisurati alle esigenze dei singoli allievi, fornendo loro le competenze digitali fondamentali per superare il digital divide, ovvero l’esclusione dalle pratiche sociali e dal mondo del lavoro.
Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità
2012-07-02
Gli autori trattano la tematica della certificazione ambientale attraverso l'analisi di alcuni sistemi e documenti che ne chiariscono i principi fondanti.
Opportunità di un sistema di gestione integrato nell’attuale ambiente competitivo
2012-07-02
L’attuale ambiente competitivo è caratterizzato da una forte complessità. Tra i più incisivi fattori di cambiamento che agiscono sul comportamento delle organizzazioni, sempre più spesso sono determinanti gli effetti di elementi intangibili che tendono a modificare la dinamicità degli equilibri aziendali.
Il miraggio del merito
2012-07-02
Il merito che ha sempre rappresentato un obiettivo imprescindibile delle politiche per l’istruzione è tornato attualmente  alla ribalta con il decreto sul merito del Ministro Profumo.
La voglia di possedere. Aspetti e problemi dello stalking.
2012-07-02
Lo stalking trae origine dalla complicazione di una qualunque relazione interpersonale; la possibilità per chiunque di divenire vittima di molestie assillanti rende necessaria una definizione del fenomeno che ne permetta la comprensione e che offra – per quanto possibile – delle categorie di lettura di comportamenti che, sebbene apparentemente sani o minimamente fastidiosi, costituiscono una minaccia al benessere psicofisico della persona colpita e al normale svolgimento della sua vita quotidiana.
Intervista al prof. Antonio Cocozza - Direttore del Master in “Politiche e Strumenti per la Direzione e la Valorizzazione delle Risorse Umane”
2012-07-02
L'importanza di un percorso post-lauream sulla direzione e valorizzazione delle isorse umane.
Ricerca e formazione nella scuola. Parte quarta. Un’esperienza di ricerca didattica nella scuola dell’infanzia
2012-07-02
Nei contributi precedenti (QTimes, 4, 2011; 1-2/2012) sono stati presentati alcuni aspetti concettuali e metodologici caratterizzanti l’azione dell’insegnante che si investe del ruolo di ricercatore nella scuola. L’intreccio tra formazione e ricerca didattica è visto attraverso la presentazione di uno spaccato delle attività condotta in due scuole nell’ambito del  piano di aggiornamento che investe da oltre un decennio le Scuole dell’Infanzia di Roma Capitale, nella consapevolezza che il miglioramento della qualità dei servizi scolastici si realizza soprattutto attraverso lo sviluppo delle capacità e delle competenze professionali del personale che opera con i bambini.
Giocare ad essere donne. Identità e senso estetico nel gioco delle bambole. Parte II. La rappresentazione dell’identità femminile e l’espressione della femminilità attraverso le bambole
2012-07-02
In questo contributo saranno presi in esame, in modo particolare, la realtà ludica e le possibili influenze psicologiche relative all’imitazione e all’identificazione con le bambole Barbie e Bratz. Queste bambole propongono infatti un’immagine particolare di femminilità, e quindi elementi di costruzione dell’identità, in netta opposizione con la visione tradizionale della donna improntata sull’ideale materno.
Recensione al testo di Benedetta Cosmi “Comunicare A scuola. Con Amici” a cura di Imma Lazzaro
2012-04-02
Benedetta Cosmi, già autrice di “Non siamo figli contro-figure”, si cimenta, questa volta, nell’arduo compito di analisi del sistema scuola con il saggio “Comunicare. A scuola. Con Amici”.
Mondi e profili educativi.
2012-04-02
Nel colloquio incessante che la pedagogia mantiene con i saperi, essa denota un' attenzione particolare ai problemi del tempo e, in particolare modo, il rispetto per l’essere umano, un microcosmo in dialogo con il mondo, l’ambiente, la natura e la società intera in cui vive come fasi di crescita soggettiva e responsabile degli istanti, momenti ed esperienze della sua vita, in un processo evolutivo che si manifesta sotto tutti i profili, essendo non soltanto uno sviluppo fisico e biologico ma pure culturale.
“Un’utopia necessaria”
2012-04-02
Di fronte alle molte sfide che ci riserva il futuro, l’educazione si mostra come un mezzo prezioso e indispensabile, promotrice degli ideali di pace, libertà e giustizia sociale, per il ruolo fondamentale della stessa nello sviluppo personale e sociale. 
Lo sviluppo tecnologico tra dimensione sociale e nuovo rischio (1)
2012-04-02
Non si può comprendere la comunicazione multimediale e il peso che essa assume nei processi formativi, lavorativi e sociali del XXI secolo se non si guarda al modo in cui lo sviluppo tecnologico degli ultimi venti anni ha contribuito a modificare la società.
L'istruzione potenziata dalla tecnologia.
2012-04-02
Il NETP, National Education Technology Plan (http://www.ed.gov/sites/default/files/NETP-2010-exec-summary.pdf) elaborato nel 2011 dal Department of Education americano, ha presentato un modello di apprendimento per il XXI secolo basato sulla tecnologia, con obiettivi e raccomandazioni relativamente a 5 aree essenziali: apprendimento, valutazione, insegnamento, infrastrutture e produttività.
La didattica accende le luci alle LIM: nuovo strumento di apprendimento
2012-04-02
Ardesia e polvere di gesso rappresentato da sempre  i simboli per antonomasia del fare scuola. E’ questa, infatti, l’immagine che viene subito alla mente, insieme a banchi e cattedra, quando pensiamo ad un’aula scolastica. Tuttavia le LIM (Lavagne Interattive Multimediali) rappresentano oggi un nuovo ausilio a disposizione dei docenti e presente ormai nella maggior parte delle classi scolastiche di ogni ordine e grado di istruzione.
Il discorso efficace: la metafora del volo
2012-04-02
Comunicare è sedurre. Questo è quanto abbiamo scritto su queste pagine qualche numero fa.  Abbiamo anche detto che per sedurre il nostro pubblico occorre una gestione efficace del linguaggio verbale, non verbale e paraverbale. A proposito di linguaggio verbale analizziamo le fasi di un discorso efficace.
Ricerca e formazione nella scuola. Parte terza. Saper osservare
2012-04-02
Nella pratica didattica, come nella ricerca educativa, saper osservare è condizione essenziale per raccogliere informazioni utili alla comprensione della situazione in cui si opera, delle caratteristiche dei soggetti con i quali si interagisce, dei contesti in cui si è immersi, al fine di prendere decisioni appropriate a produrre un miglioramento dell’esistente. É per questo che l’insegnante, pur potendo afferire a diverse fonti informative (famiglia, colleghi, allievi stessi o altro) non può prescindere dal possesso di quella competenza osservativa che gli consente di rilevare oggettivamente il dato pedagogico, quello cioè che si manifesta nella situazione di insegnamento-apprendimento, una peculiarità che gli appartiene e caratterizza il suo ruolo.
Giocare a essere donne. Identità e senso estetico nel gioco delle bambole. Parte I. I fattori di sviluppo dell’identità di genere
2012-04-02
Con questo articolo si apre una breve serie di due interventi che focalizza l’attenzione sulle  rappresentazioni dell’identità femminile veicolate attraverso le bambole. L’analisi proposta muove dall’ipotesi che mediante questi giocattoli la bambina simuli l’assunzione di ruoli e si confronti con una specifica immagine del femminile che contribuisce a strutturare la sua identità. Tale rappresentazione è in parte archetipica e in parte costruita su modelli culturali ed educativi in continua evoluzione; non è, inoltre, necessariamente reale, ma è comunque realisticamente orientata dalla desiderabilità sociale o dall’immaginario collettivo.
«Mi metto nei tuoi panni» Il valore dell’empatia nelle relazioni interpersonali
2012-04-02
L’attenzione che la pedagogia contemporanea riserva all’educazione affettiva è dimostrata dai molteplici studi che hanno focalizzato l’attenzione sulla necessità sociale di promuovere e incrementare situazioni capaci di favorire un clima propositivo, accogliente, supportivo, atto a sostenere lo sviluppo e la promozione della persona nei diversi contesti di vita. L’empatia, ovvero il sentire dentro, è sicuramente uno dei fattori più importanti nella costruzione della competenza emotiva e affettiva, sulla quale fare leva per contrastare efficacemente fenomeni sociali allarmanti, quali ad esempio il bullismo nella scuola, il mobbing nel lavoro, lo stalking sempre più diffuso.
Per un sistema educativo formale di qualità, equo e inclusivo.
2012-04-02
L’esigenza di conferire qualità ed equità al sistema d’istruzione e formazione, direttamente connessa al processo d’innovazione maturato nell’ultimo decennio, ha sollecitato la riflessione su quanto le prestazioni del sistema italiano siano congruenti con le attese e comparabili con quelle di altri paesi europei. Ciò vale sia per il sistema d’istruzione e formazione professionale iniziale, legato essenzialmente al rendimento scolastico di tutti gli allievi, inclusi coloro che presentano una difficoltà certificata o un (fab)bisogno educativo speciale, sia per la formazione permanente - o apprendimento per tutto l'arco della vita (Life long wide learning) -  collegata allo sviluppo sociale ed economico.
Che cosa è la meritocrazia?
2012-01-09
La storia, come sempre maestra di vita, insegna che sono le grandi discontinuità sociali ed economiche a creare le società meritocratiche. Il processo non è evolutivo, ma ha caratteri rivoluzionari. Una grande discontinuità nella storia dell’umanità, avviata nel secolo scorso, è attualmente in corso. Iniziato nel mondo anglosassone sta subendo forti accelerazioni su scala globale, insieme al processo di diffusione della meritocrazia.
Immigrazione e fenomeni pregiudiziali
2012-01-09
Dall’ultimo trentennio a oggi si è avuta un’accentuazione dei movimenti immigratori verso l’Italia da parte di individui appartenenti a diverse culture ed etnie e tale fenomeno ha interessato zone più ampie del territorio italiano. Masse di persone sempre più cospicue sono giunte e tuttora giungono nel nostro paese da quegli stati dilaniati da conflitti politici o caratterizzati da situazioni socio-economiche difficili. L’integrazione di questi soggetti nel tessuto sociale del paese nel quale decidono di emigrare può avere degli effetti positivi e favorire, quindi, un adeguato inserimento o al contrario un’emarginazione, che può portare questi individui a compiere azioni illegali al fine di sopravvivere in tale collettività.

Considerazioni intorno al concetto di Apprendimento Consapevole
2012-01-09
Quando si parla di “apprendimento consapevole” si intende un complesso e strutturato insieme di “metodi, contenuti, tecnologie e relazioni”(3) che tenta di affrontare il problema dello scollamento esistente tra i riferimenti “pedagogici” della politica educativa, del lifelong learning, del portfolio e del progetto di vita e quelli didattici della progettazione didattica, del percorso didattico e degli obiettivi formativi.
L’utilizzo delle tecnologie come leva per aumentare l’interesse all’apprendimento: il software Scratch
2012-01-09
L’utilizzo di interventi didattici mediati dalla tecnologia, se ben progettati, possono funzionare come un amplificatore cognitivo in quanto, oltre a privilegiare i processi, quali l’attenzione, l’ascolto e la comprensione, favoriscono anche lo sviluppo di abilità, come: l’intuizione, la pianificazione e il problem solving. Un caso tipico di come la tecnologia possa aiutare è rappresentato da Scratch.
I media nel lifelong learning
2012-01-09

L’educazione permanente o lifelong learning continua ad essere il principio ispiratore e catalizzatore delle politiche educative e formative che, in Italia e nell’U.E., appaiono sempre più connesse alle strategie di crescita e di sviluppo occupazionale.

Competenze professionali pregresse e studenti universitari in formazione iniziale: una possibile prospettiva.
2012-01-09
L’ipotesi del presente lavoro è che vi sia margine per valorizzare gli apprendimenti pregressi, soprattutto in chiave proattiva verso le esperienze future, anche per questa categoria di studenti. Lo strumento del Bilancio di Competenze (Alberici, Serreri, 2009) appare specificatamente tarato sulle esigenze di coloro che sono lavoratori, prima ancora che studenti, ma è possibile l’uso di forme più o meno robuste e strutturate di portfolio, che favoriscano una riflessione sulle competenze già acquisite che possa far maturare quella competenza, definita chiave dalle istituzioni dell’Unione Europea, che è quella di “imparare ad imparare”
L’applicazione dei modelli di gestione orientati alla misurazione delle performance e al miglioramento continuo nel settore della formazione: esperienze regionali a confronto.
2012-01-09

Scopo del presente lavoro è individuare e analizzare i requisiti organizzativi richiesti alle aziende operanti in ciascuna Regione, al fine didefinire il sistema di opportunità e di vincoli che il quadro normativo è andato progressivamente a delineare nel contesto nazionale.

EduPuntoZero: buona pratica di innovazione digitale a sostegno della formazione scolastica
2012-01-09
Convegno “Formazione e Nuovi Ambienti di apprendimento nella scuola 2.0”, tenutosi a Roma il 4 novembre 2011
Socializzarzi con, nei, social media
2012-01-09
Il lavoro di analisi proposto dal libro Socializzarzi con, nei, social media (2011) parte dalla riflessione che oggi le scienze sociali si trovano a fronteggiare una grande sfida, quella di recuperare il tempo in cui Internet è stato abbandonato nelle mani degli ingegneri pensando che fosse “roba da tecnici”.
Giocare per crescere. Aspetti psicologici ed educativi dell’attività ludica
2012-01-09
Il gioco, come è noto, costituisce l’attività maggiormente svolta dal bambino nei primi anni di vita e assolve una funzione evolutiva fondamentale. Attraverso il gioco infatti il bambino apprende, sviluppa le proprie capacità e si introduce nelle relazioni. Per questa ragione l’attività ludica non può essere considerata una mera modalità di svago; è invece un vero e proprio ambiente di scoperta e sperimentazione che non esclude, ma anzi coinvolge, la presenza dell’adulto. Questi condividendo con il bambino il gioco e il piacere che ne deriva realizza, spesso inconsapevolmente, una pedagogia del gioco sulla quale il dibattito scientifico è ancora aperto e stimolante.
Ricerca e formazione nella scuola.Parte seconda. Fare formazione per imparare a insegnare
2012-01-09
In una società articolata, dinamica e cangiante come quella attuale, anche la scuola è investita da processi di innovazione e di cambiamento spesso rapidi; è perciò importante favorire negli insegnanti in servizio e negli studenti che si preparano a svolgere questa professione, l’acquisizione, lo sviluppo e il consolidamento di competenze pedagogiche adeguate per affrontare quotidianamente il difficile, ma al tempo stesso appassionante compito di istruire, formare ed educare. La modalità laboratoriale si propone come la possibilità di far sperimentare a chi segue un percorso formativo la reciprocità tra teoria e prassi, partecipando attivamente al proprio processo di apprendimento.

“Cosa è la memoria, se non il rassicurante deposito delle proprie esperienze e della propria identità?”
2011-10-03
La memoria è il mezzo mediante il quale “preleviamo”, informazioni dalla nostra esperienza passata per utilizzarle nel presente(1), come affermato da Erik R. Kandel, neurologo, psichiatra e neuroscienziato austriaco, vincitore del Premio Nobel per la medicina nel 2000.
I segreti del linguaggio del corpo
2011-10-03
Un gesto di per sé non ha uno specifico significato simbolico e non è possibile estrapolarlo dalla cornice all’interno della quale è inquadrato: va analizzato nel contesto psico-sociale nel quale si realizza e, per una corretta analisi, vanno considerati più segnali insieme.
Importanza della formazione e della riqualificazione professionale in tempo di crisi economica
2011-10-03
Il vero nodo da sciogliere è, in prima analisi, quello di capire come la riqualificazione del personale possa diventare sistema all’interno del processo produttivo aziendale. Per fare questo le aziende devono iniziare a considerare la formazione aziendale come un fattore produttivo in grado di stimolare e quindi di aumentare la produttività
La sphère publique du XXIe siècle(1)
2011-10-03
Une réflexion sur les transformations politiques liées à la domination du médium numérique.
Il percorso emotivo-motivazionale nella didattica e-learning
2011-10-03
La letteratura pedagogica ci ha insegnato nel tempo che non c’è apprendimento senza emozione e anche quando l’insegnamento viene veicolato attraverso le nuove tecnologie ci si aspetta che la sfera emotivo-motivazionale continui ad essere stimolata.
Aggressione, violenza, abuso. La risposta della pedagogia dell'emergenza. Parte terza. L’aiuto attraverso il councelling. Una proposta teorico-operativa
2011-10-03
La constatazione del legame di reciprocità che intercorre tra la sfera razionale, la sfera emotiva e la corporeità nella strutturazione dell’identità ha portato alla formulazione di una proposta di councelling – rivolta a quanti hanno subito un abuso sessuale o sono stati oggetto di violenza – che comprendesse queste tre istanze sia nella loro singolarità sia nella loro complementarietà.
Il significato della parola emergenza delineato nel corso degli articoli dedicati al tema della violenza e dell’abuso – di cui questo costituisce l’ultimo – non ha l’accezione ristretta di lavorare sull’urgenza per riparare al danno di un atto lesivo della dignità umana già consumato, ma assume invece un’accezione propositiva; afferma la necessità quanto la possibilità sia di offrire il sostegno opportuno a colui che è stato offeso dalla violenza sia di operare per promuovere un’educazione all’affettività, indispensabile per improntare un’azione educativo-formativa mirata alla prevenzione dell’insorgenza di condotte ed atteggiamenti violenti verso l’altro.
Per una pedagogia della valutazione. Genesi di un nuovo campo disciplinare
2011-10-03
Un nuovo campo disciplinare, che si sviluppa all'interno di una scienza, può avere un riconoscimento pubblico quando è percepito e legittimato dalla comunità scientifica  perché si dimostra utile alla comunità stessa. Una Pedagogia della valutazione, quindi, può rientrare come campo d’indagine all’interno dell’apparato pedagogico, del quale condivide gli assunti teorici, e rappresentare un campo specializzato del discorso pedagogico sociale, così come lo sono la pedagogia comparata, la storia della pedagogia,  la pedagogia speciale. La caratterizzazione  della nuova pedagogia riguarda la specifica attenzione all’azione valutativa, in quanto inscritta all’interno dei fatti educativi e applicata a interventi di politiche socioculturali, oppure a eventi fisici e ambientali.
Lo scopo della pedagogia della valutazione, quindi, può configurarsi nello studio dello sviluppo delle attività valutative, sia teoriche sia pratiche, condotte a tutti i livelli, dall’individuale al collettivo.
Tempo e umane possibilità
2011-10-03
Lo spazio e il tempo, coordinate nonché parametri e “luoghi” di esistenza, sono stati per l’uomo sin dall’Antichità un particolare oggetto di interesse. La natura, contrassegnata da un divenire dai tratti inarrestabili, ha dimostrato in maniera evidente il passaggio fra gli stadi, con un cambiamento che  coinvolge non solo i paesaggi naturali, ma anche le realtà e le situazioni personali.
Comprendere il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività. Parte sesta. L’intervento multimodale. Parent Training e Teacher Training
2011-10-03
Il coinvolgimento della famiglia e della scuola riveste una rilevanza fondamentale nel trattamento del Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività, rispetto al quale è necessario agire su più livelli. Accanto al percorso individualmente indirizzato al bambino, devono pertanto essere approntati programmi diretti ai genitori (Parent Training) e agli insegnanti (Teacher Training). Si tratta di interventi psicoeducativi, che pongono l’accento sull’importanza dell’ambiente educativo quale luogo simbolico e fisico, nel quale il bambino deve poter reperire gli strumenti per generalizzare le acquisizioni raggiunte in contesto terapeutico. Genitori e insegnanti devo pertanto porsi in una prospettiva di rete e operare in modo coerente e secondo obiettivi condivisi. È questa una condizione imprescindibile per il conseguimento di risultati positivi da parte del bambino.
Ricerca e formazione nella scuola. Parte prima
2011-10-03
Le iniziative sperimentali nel mondo della scuola sono numerose e si accompagnano alla diffusa esigenza di rinnovamento e qualificazione necessaria alla scuola per confrontarsi costruttivamente con le sfide educative, culturali e organizzative connesse a tale rinnovamento. Si è perciò affermata sempre di più la necessità di formare gli insegnanti ad essere professionisti della ricerca e guidarli nella scoperta della dimensione euristica del loro fare scuola. Ciò richiede l’individuazione di modalità di formazione che permettano loro di acquisire l’habitus di docente - ricercatore e di mantenerlo nel tempo, valorizzando il legame dialogico tra la comunità di pratiche alla quale ciascuno di loro appartiene, ovvero la scuola, e la ricerca scientifica. Sarà questo l\’argomento del prossimo contributo.
Aggressione, violenza, abuso. La risposta della pedagogia dell’emergenza. Parte seconda. Le convinzioni di senso comune.
2011-07-01
Comprendere quali concetti, quali emozioni e quali situazioni evoca la parola violenza, soprattutto in rapporto alle aggressioni a sfondo sessuale, può facilitare quel lavoro di decostruzione di convinzioni di senso comune fuorvianti, che spesso non aiutano la vittima, ma anzi possono contribuire a mantenerla in uno stato di paura, di negazione dell’accaduto o anche di immotivata auto-colpevolizzazione. Poiché la traduzione operativa della pedagogia dell’emergenza in un modello concettuale come quello di counceling, implica una conoscenza quanto più possibile approfondita del contesto e/o delle persone che ne potranno fruire,  ha preso corpo l’idea di rilevare cosa si pensa comunemente sulla violenza stessa e su coloro che ne sono protagonisti, come vittime o come aggressori, su quali siano gli strumenti di difesa attuabili e sulle possibili modalità di aiuto  alla vittima.
Nuovi orizzonti del Collaborative learning nell’era del Web 2.0
2011-07-01
Negli anni settanta si usavano i mainframe, gli anni ottanti hanno visto la nascita del personal computer, negli anni novanta si è avuta l’evoluzione di Internet. Negli ultimi anni, fino ad oggi, abbiamo visto la nascita e la crescita del Web 2.0 e abbiamo pensato che fosse arrivato il futuro; ora invece siamo certi che il Web 2.0 è il presente; il futuro ci riserverà qualcos’altro: il Web 3.0 meglio conosciuto come Web semantico.
Ri-scoprire l’ascolto
2011-07-01
Chiusura, apatia, indifferenza e individualismo paiono essere tratti comuni di quel clima culturale che prevale nel Millennio e finisce per condizionare costumi, comportamenti singolari e collettivi, creando fratture nelle relazioni interpersonali di cui sono testimonianza il prevalente senso di disagio e la solitudine.
Comunicare è sedurre. Parte seconda
2011-07-01
Comunicare significa influenzare, ma soprattutto farsi capire ed assumersi la responsabilità di ammettere che ogni volta che il pubblico non comprende ciò che diciamo la colpa è nostra. Si può quindi affermare che la comunicazione verbale è una forma di seduzione. Infatti, interessare, piacere, fare emozionare il pubblico che ci ascolta significa sedurre e parlare in pubblico è una forma di seduzione.
Il Pensiero di Jacques Maritain
2011-07-01
La funzione dell’educazione, deve essere quella di un autentico risveglio umano, l’educazione come opera di umanizzazione, così diviene della massima importanza, che ogni educatore abbia il rispetto di ogni singolo individuo: il senso delle sue risorse interiori, delle sue profondità e della sua essenza: è una specie di sacra amorosa attenzione al mistero della sua identità.
Comprendere il DDAI. Parte quinta: l’intervento multimodale. La terapia farmacologica e il percorso individuale cognitivo comportamentale per il bambino con DDAI
2011-07-01
Questo contributo si sofferma su alcuni dei programmi di intervento attuati nel trattamento del Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività in un’ottica multimodale. Vengono dunque presentati l’intervento farmacologico e quello cognitivo-comportamentale e quindi i percorsi che vedono un coinvolgimento diretto del bambino. Questi però trovano completamento all’interno di un approccio che coinvolge anche la famiglia e la scuola quali agenti del consolidamento e della generalizzazione degli apprendimenti, in luoghi diversi dallo spazio ristretto della terapia.
Università: riforma con assenze importanti, progetto e visione
2011-07-01
La legge 240 sull’Università appare infatti come l’atto estremo di un processo eutanasico che nel corso degli anni ha in modo trasversale compromesso irreversibilmente il sistema della ricerca e dell’alta formazione in Italia.
Orientation and transition into university courses A case study(1)
2011-07-01
Over the last decade, the transition from education to employment has become increasingly difficult, long and uncertain, so that legislators have been forced to consider new means of access to facilitate the entry of young people into working life. In addition, the relaxing of the regulatory and stability norms which had characterized labor relations in the Italian system since the 80s introduced elements of differentiation and heterogeneity among the subjects. As biographical paths become increasingly uncertain, people are forced to change their employment status several times during their working-life cycle. Orientation appears to be the right tool for helping people to take charge of their destinies. In many quarters it is considered to be essential in supporting people during ever more frequent periods of transition.  In this essay we intend to understand whether and how our university services are able to guarantee support to students. The essay starts with a reconstruction of the way in which the concept of orientation has been modified as a result of the changing socio-economic system and a presentation of the guidance system in Italy. The results of our analysis demonstrate the usefulness of the service (in the case study observed) and how it is perceived through the eyes of its users, also focusing on the subjective dimensions relative to the transitional  approach.
Dalla metodologia al disegno metodologico: un risultato empirico
2011-07-01

Nella presentazione dei risultati della valutazione di un intervento di politica socio-educativa, o di una ricerca valutativa,  a volte non si dà adeguato spazio all’approfondimento della motivazione che sottende la scelta degli specifici metodi utilizzati da parte dei ricercatori. In assenza di questa esplicitazione il lettore può quindi trovarsi in difficoltà nel comprendere le ragioni delle scelte operate e aver la sensazione che l’applicazione dei metodi scelti non sia adeguata agli scopi conoscitivi di un progetto valutativo.
Scopo del presente lavoro, che utilizza come esempio il progetto di valutazione dei centri di aggregazione giovanile o Centri-2you, è presentare ed evidenziare come uno strumento denominato disegno metodologico possa rappresentare il valore aggiunto dal punto di vista della teoria e della pratica della ricerca valutativa
Gli effetti che si ottengono da uno studio metodologico sulla trasformazione del disegno metodologico dei progetti di valutazione associati agli interventi socio-educativi, sono utili sia per aggiungere ulteriore conoscenza, cioè apprendimento, sulla prassi della metodologia della valutazione, sia per ampliare la gamma dei disegni metodologici da poter utilizzare. Tali conseguenze contribuiscono allo sviluppo della pedagogia della valutazione.

Tra storiografia e didattica della storia. Modelli e problemi
2011-04-01
Il contributo chiarisce che cos’è in primo luogo la storia, a che cosa serve, come si fa e come si insegna entrando nel merito dei contenuti disciplinari e della didattica.
I mille volti della violenza. (1)
2011-04-01
Che cosa è violenza? È chiaro che anche questo concetto si è andato specificando e approfondendo nel corso dei secoli e che ha definito una serie di corollari in relazione ad un concetto più generale di violenza che è quello metafisico come «azione esercitata dall’esterno contro un’inclinazione spontanea o un movimento naturale.
La strada per le competenze: un percorso tutt'altro che facile
2011-04-01
I docenti che in questi anni hanno imparato molto bene a restare a galla nel mare agitato della scuola, all’infrangersi di ogni onda hanno risposto restando aggrappati allo zoccolo duro rappresentato dal loro sapere affrontare le mareggiate che, a ritmi alterni, si abbattono sul nostro sistema d’istruzione, rischiando di  mandarli alla deriva.
Parlare in pubblico: questione di esercizio (1)
2011-04-01
Non tanto mi dispiace la sostanza quanto il modo del suo discorso”, fa dire Shakespeare ad Ottavio Cesare nel suo “Antonio e Cleopatra”. E quante volte, infatti, ci capita di  ascoltare qualcuno che ha da dire delle cose interessanti ma le dice in modo sbagliato, senza trasmettere emozioni o con un tono incongruente. E ci capita non solo in politica ma nella vita di tutti i giorni: pensiamo al banale dialogo tra marito e moglie in cui il marito chiede “dove sono le mie camicie?” e lei risponde “sono nel cassetto”.
Formare nello spazio della rete
2011-04-01
Lo spazio di Internet viene visto come ‘vivo’, vivo di una presenza collettiva, brillante, attiva e umana. Ogni singolo utente diventa una singola parte di un pensiero collettivo, non esiste un drive al pensiero ma il pensiero ‘emerge’ e si autorganizza sui contributi di ogni singolo utente’.
Comprendere il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività. Parte terza: eziologia e modelli interpretativi
2011-04-01
Nel corso del tempo molti studiosi si sono impegnati per offrire dei modelli interpretativi in grado di consentire una migliore analisi e comprensione del DDAI, un fenomeno la cui diffusione appare sempre maggiore. Negli ultimi anni si sono imposti all’attenzione della comunità scientifica, in particolare, gli studi condotti da Barkley, il cui modello è attualmente il più accreditato a livello internazionale, da Sergeant e da Sonuga-Barke. Ogni approccio, pur avendo messo in rilievo componenti eziologiche diverse, ha contribuito alla comprensione del disturbo: Barkley sottolinea la presenza di un danno a livello delle funzioni esecutive, Sergeant punta l’attenzione su aspetti cognitivi; Sonuga-Barke prende in considerazione, oltre ai processi cognitivi, anche quelli motivazionali.
Aggressione, violenza, abuso. La risposta della pedagogia dell’emergenza. Parte prima: i fattori umani e situazionali
2011-04-01
Il trauma generato dall’essere vittima di un atto violento produce una ferita psichica che ricomprende e supera il danno fisico, assumendo le caratteristiche di un legame pervasivo con l’evento traumatico. Si tratta di un vincolo che può portare la vittima a fondersi con il proprio dolore e che riduce – fino a impedirla – la possibilità di prendere contatto con tutte quelle risorse interne funzionali al ripristino del benessere, e propedeutiche alla possibilità di continuare a. progettare e realizzare percorsi di vita soddisfacenti. Di qui la necessità e l’importanza di un’educazione in grado di promuovere la capacità di strutturare se stessi come agenti di tutela e salvaguardia sia rispetto alla propria fisicità sia in riferimento al Sé. Lo strutturarsi una pedagogia rispondente a queste necessità può essere definita come pedagogia dell’emergenza; questa si propone come una struttura di pensiero che ha lo scopo di rompere il cerchio della violenza, nel suo triplice carattere psicologico, fisico e temporale.
Promuovere la prosocialità lungo l’arco di vita. Il ruolo della agenzie educative Parte terza. Educazione prosociale e scuola
2011-04-01
La stretta interazione tra processi cognitivi e interattivi è stata rilevata a partire dalla scuola dell'infanzia. Di qui l'importanza di una educazione alla prosocialità che accompagni il percorso educativo, formativo e didattico di un bambino fin dall'inizio della sua vita scolastica, ovvero della sua partecipazione a un microcosmo nel quale amplia la rete sociale oltre i confini della famiglia nucleare (genitori e fratelli) e allargata (nonni, zii, cugini), per includervi altri adulti significativi (gli insegnanti, il personale della scuola) e i coetanei con i quali condivide lo status di scolaro.
Donne e libertà nella cultura globalizzata
2011-01-03
Questo articolo prende spunto dalle polemiche innescate dalla copertina apparsa sul Times di luglio, nel momento in cui si stava allargando la mobilitazione a favore di Sakineh, la donna iraniana condannata alla lapidazione. Il titolo della rivista era infatti “Cosa succede se lasciamo l’Afghanistan”, e l’immagine che campeggiava era quella di Aisha, una giovanissima afghana a cui sono stati mutilati naso e orecchie perché scappata di casa dal marito.
È interessante notare come questa copertina, dal messaggio all’apparenza lineare e favorevole alla questione femminile, abbia scatenato le reazioni di molte donne che vi hanno visto dietro un messaggio diverso, ossia la giustificazione della guerra dietro la scusa della salvezza delle donne afghane, e più in generale la giustificazione di una retorica anti-islamica sempre più preponderante in certi contesti occidentali.

Progettare per educare
2011-01-03

Introdotta dal Regolamento sull’Autonomia Scolastica del ‘99, la progettazione educativa, da non confondere con la programmazione pur se con questa condivide scelte e contenuti, indica la volontà di personalizzare gli apprendimenti sulla base delle reali necessità dei soggetti coinvolti nei processi educativi (G. Mondelli, 2006).

Promuovere la prosocialità lungo l’arco di vita. Il ruolo delle agenzie educative. Parte seconda. Variabili psicologiche e fattori educativi.
2011-01-03
L'apprendimento della abilità prosociali avviene principalmente attraverso l'osservazione di modelli di interazione, soprattutto se offerti dalle figure di riferimento ritenute significative e autorevoli. I modelli educativi rientrano quindi tra i fattori principali che, combinandosi con variabili psicologiche quali l’autoefficacia, l’autostima, il concetto di sé e la motivazione, possono promuovere l’acquisizione di repertori di competenze e di modalità di rapporto prosociale, attraverso le quali innescare meccanismi di reciprocità positiva. Questi, trasformando l’esistenza in coesistenza, diventano fondamento dell’essere in relazione.
La valutazione di politiche socioeducative. L’apporto della metodologia qualitativa Parte seconda. I risultati dell’intervento e la valutazione interpretativa
2011-01-03
La valutazione di un intervento di politica socioeducativa affronta tematiche che corrispondono a molteplici funzioni conoscitive, necessarie sia per lo sviluppo dell’intervento sia per stabilire la congruità dei risultati rispetto ai traguardi prestabiliti, ma essenziali anche per conoscere gli effetti dell’intervento stesso sia sui beneficiari sia dal contesto territoriale di riferimento.
Il programma di valutazione che ha accompagnato lo svolgimento del servizio dei Centri di Aggregazione giovanile - Centri -2you - ha applicato una specifica metodologia, caratterizzata dalla transizione tra stadi qualitativi e quantitativi; ogni stadio ha prodotto sia risultati conclusivi sia dati pre-elaborati per lo stadio successivo.

La professione insegnante in bilico tra malessere e voglia di resistere
2011-01-03
Pesante è la riforma che ha investito la scuola e di conseguenza importanti sono state le ripercussioni sulla classe docente, ancora una volta al centro di una forte trasformazione. Una trasformazione arrivata in un momento come quello attuale in cui i docenti vivono una fase della propria carriera caratterizzata dalla rottura di un equilibrio acquisito durante i diversi anni di insegnamento e che chiede loro di modificare gli schemi consueti di comportamento che si rivelano non più adeguati a far fronte alla situazione presente.
Comprendere il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività. Parte seconda. Sintomi secondari: insuccesso scolastico e rifiuto sociale
2011-01-03
Nei soggetti con Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività si evidenzia la presenza di tre dimensioni psicopatologiche primarie: la disattenzione, l’iperattività e l’impulsività. Tali dimensioni interagendo con l’ambiente di vita e le richieste che questo pone, danno luogo all’insorgere di dinamiche disfunzionali che investono l’ambito scolastico e affettivo - relazionale. Gli effetti ch ne conseguono non sono solo quelli immediatamente rilevabili perché resi evidenti dalle prestazioni e dai comportamenti non adattivi, ma investono anche aspetti più profondi e pervasivi della persona, quali l’identità personale, l’autoefficacia e l’autostima.
Public Affairs nel Governo Locale? Intervista a Dario De Santis, amministratore unico di Bridging Bureau srl
2011-01-03

Bridging Bureau srl opera attivamente nel mercato per offrire consulenza di management e di comunicazione nel settore delle relazioni pubbliche speciali, in particolare dei Public Affairs nell’ambito della Pubblica Amministrazione Locale, al fine di posizionare e consolidare interessi, policy e progetti dei propri clienti in contesti economici, sociali e politici.  La proiezione dei Clienti nell’ambito delle relazioni di rappresentanza degli interessi particolari verso il Governo Locale e Regionale si ispira ai principi di trasparenza e di conformità tenendo fermi criteri economici di efficienza e di efficacia. Sostenere i propri Clienti in una competizione virtuosa all’interno dei nuovi scenari intervenendo su basi organizzative, codici di lettura e di comunicazione, attività e capacità relazionali è il principale impegno delle persone che collaborano con Bridging Bureau srl.

Comprendere il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività. Parte seconda. Attenzione e strategie di intervento psicoeducativo.
2010-10-01
Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività è caratterizzato da un quadro clinico articolato, all’interno del quale le manifestazioni del disturbo possono assumere connotazioni differenti a seconda del prevalere delle difficoltà nella regolazione comportamentale o in quella attentiva. Ciò che si nota è una generale difficoltà ad individuare prontamente i casi in cui il deficit a carico dei processi attentivi sia predominante; per questo è utile sottolineare alcuni aspetti teorici rilevanti a riguardo, per sviluppare una consapevolezza educativa che guidi al riconoscimento delle effettive necessità, evitando di attribuire etichette basate sul senso comune. Il primo passo da compiere è quindi domandarsi cosa significa essere disattenti, per poter poi individuare le strategie operative idonee a fornire un valido sostegno psicoeducativo.
Carrozze senza cavalli: breve nota su media digitali e formazione
2010-10-01
L’intento dell’articolo è quello di chiarire in che modo e in che misura gli adulti debbano assicurarsi che gli studenti capiscano i media che utilizzano nei loro percorsi di apprendimento, e sottolinea un aspetto messo in luce ormai più di quaranta anni fa dallo studioso canadese Marshall McLuhan.
Arginare i mille rivoli del lavoro nero (da www.ImmigrationFlows.net)
2010-10-01
L’iniziativa di Immigration Flows di dedicare dei contributi sull’inserimento degli immigrati nel mercato del lavoro cade in un momento nel quale c’è una singolare attenzione istituzionale ad un tema che condiziona in modo pesante la qualità  dell’occupazione straniera. Il lavoro “nero” continua ad essere uno dei tratti peculiari del sistema produttivo italiano, un fattore economico che con la rapida evoluzione del fenomeno migratorio tende ad avere sempre più peso.
Chi ha paura dello Straniero? (da www.ImmigrationFlows.net)
2010-10-01
Spesso gli immigrati rappresentano un facile capro espiatorio. E serve poco opporre qualche argomento razionale per cercare di delimitare questo senso comune ormai diffuso a livello nazionale, come affermare che quest’orda è composta in realtà da una maggioranza di lavoratori stranieri di cui tutti, ormai, dovrebbero riconoscere l’insostituibilità per lo sviluppo dell’intero paese; o ancora che, dati alla mano del Ministero dell’Interno, non è vero che i cittadini stranieri regolari delinquono più dei cittadini italiani.
Promuovere la prosocialità lungo l’arco di vita. Il ruolo delle agenzie educative Parte prima. I presupposti concettuali
2010-10-01
La prosocialità (Pro Social Behavior) si è affermata in tempi recenti come una proposta concettuale e operativa efficace nell’affrontare istanze educative che cambiano in ragione del modificarsi del tessuto sociale e culturale e stabilisce dei principi che hanno valore universale, dimensione transculturale ed estensione trasversali a tutte le età della vita. Gli studi condotti in questo particolare ambito hanno inteso dare una risposta scientifica a domande sulla relazionalità e la reciprocità sociale che ed hanno evidenziato, in particolare, il concorso di fattori psicologici ed educativi che ne determinano o ne ostacolano l’apprendimento e lo sviluppo, indicando metodologie, strategie, tattiche e strumenti per promuovere sia a scuola sia nell’extrascuola il possesso di competenze prosociali, e ancor più per favorire l’acquisizione di uno stile di vita pro sociale.

A scuola: “Non uno di meno!”
2010-10-01
Per poter cambiare la scuola, come per poter operare qualunque cambiamento, occorre per prima cosa, aldilà dei soliti discorsi di carattere politico e istituzionale, un esercizio di pensiero. Solo attraverso il pensiero è possibile generare qualcosa di pratico e di concreto. La scuola chiede di essere ricreata e rigenerata, non semplicemente abolita o rinnovata”.
La valutazione di politiche socioeducative. L’apporto della metodologia qualitativa
2010-10-01
Per dare una risposta all’esigenza di valutare gli interventi di politica educativa finalizzati alla  creazione di servizi alla persona, destinati soprattutto ai giovani e alle famiglie, è stato predisposto e applicato uno specifico programma di valutazione caratterizzato per l’uso della metodologia qualitativa. Dalla sua applicazione è scaturito un interessante modello conoscitivo, che può essere utilizzato per situazioni diverse, come la valutazione del Piano dell’offerta formativa di una istituzione scolastica o anche la valutazione della soddisfazione degli studenti di un corso di studi universitario, oppure la valutazione di un servizio sociale, come ad esempio gli asili nido.

La valutazione nell’e-learning
2010-07-01
Parlando di valutazione e autovalutazione on line si prendono, dunque, in considerazione non solo le forme più classiche di valutazione degli apprendimenti, ma anche quelle situazioni in cui il soggetto, interagendo con il sistema di apprendimento o con i soggetti coinvolti nell’azione formativa, è posto nella condizione di impiegare quanto appreso.
La rappresentazione del rapporto genitori-figli nel cartone animato. Parte seconda: la ricerca esplorativa
2010-07-01
La rappresentazione approssimativa e asistematica della famiglia che si ha nel cartone animato e la percezione che gli adulti hanno dei compiti educativi e delle modalità per gestirli sollecita l’attenzione verso l’analisi  degli effetti che la scarsa consapevolezza delle dinamiche educative e della reciprocità delle interazioni familiari e più in generale educative  possono avere sia sui genitori sia sui figli.
Recensione a: “Formazione e-learning e percorsi modulari. La scrittura dei materiali didattici” (1)
2010-07-01
Il lavoro di Stefania Nirchi mira a restituire le sotterranee tendenze di cambiamento che si intravedono nella scuola su questo tema, sia attraverso la ricostruzione delle riflessioni teoriche ad esso connesse, sia attraverso la presentazione di un caso di studio di significativo interesse: il Corso di studi in Scienze dell'Educazione, che si svolge in modalità e-learning, nato da una convenzione tra l’Ateneo di Roma Tre e la direzione Scolastica Regionale per il Lazio.
I blog tra finzione narrativa e vita vissuta: la ricerca sociale ai tempi del web 2.0 (1)
2010-07-01
Il blogging è una pratica che coinvolge un insieme molto vario di individui e gruppi: teenager che raccontano la propria vita quotidiana, appassionati di musica, cinema e arte, giornalisti e opinionisti politici, esperti di informatica, pubblicità o altri settori professionali, attivisti politici e civici; ma anche aziende, enti locali, giornali e riviste che sfruttano il format del web-log per comunicare con la propria clientela o il loro pubblico.
Imprenditori stranieri: protagonisti dell’economia (da www.ImmigrationFlows.net)
2010-07-01
Il rapporto 2010 di Unioncamere, pubblicato durante il mese di maggio, evidenzia, malgrado la crisi, un’elevata vitalità imprenditoriale diffusa fra i cittadini migranti. Nonostante rispetto al 2008 si sia registrato un rallentamento delle iscrizioni e un incremento delle cessazioni, nel 2009 sono state oltre 37mila le imprese individuali aperte in Italia da cittadini stranieri extracomunitari, portando così a circa 250mila il numero totale delle imprese con titolare nato fuori dai confini dell’Unione Europea (oltre il 7% sul totale delle aziende).
Comprendere il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività. Parte prima: Il quadro sintomatologico
2010-07-01
All’ampia letteratura disponibile sul tema dell’iperattività, un disturbo che sembra molto diffuso nella popolazione scolastica, non sembra corrispondere una effettiva conoscenza del problema da parte degli operatori scolastici e/o socio-educativi. Questa non comprensione del problema e la sua errata interpretazione impediscono di fatto l’attuazione di interventi educativi e didattici adeguati, sia a scuola, sia in famiglia. È perciò opportuno offrire una informazione che, partendo da una esplicitazione delle manifestazioni disfunzionali, contribuisca a sgomberare il campo dai pregiudizi a favore di una più chiara identificazione dei problemi, per arrivare a prefigurare scenari di intervento possibili.
Il Metodo Feuerstein: una palestra per la mente
2010-07-01
La   teoria  della Modificabilità Cognitiva del Prof.re Feuerstein, sostiene che l’intelligenza   conserva   la  sua  naturale   plasticità ben  oltre l'età dell’infanzia  e  che  tutti, diversamente abili e non, possano essere messi in condizione di imparare di più e meglio se il nostro processo di apprendimento viene " guidato" dalla figura di un mediatore.
QTimes: un anno dopo
2010-07-01
Siamo giunti con questo numero al  primo anno di vita di QTimes Webmagazine il cui scopo è quello di catturare l’attenzione in modo particolare sulla ricerca scientifica, nei vari settori multidisciplinari che connotano gli ambiti di esplorazione della nostra Rivista.
Certificazione e Business Continuity Riflessioni del Dott. Antonio Lucchini di SQS – Direzione Italia
2010-07-01
Nella suggestiva cornice di Villa degli Angeli in Castel Gandolfo, in occasione del seminario su “Business Continuity: strumenti e strategie per pianificare e garantire il successo”,  abbiamo incontrato, in esclusiva, il Dott. Antonio Lucchini, Direttore Italia SQS Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management promotore dell’evento, per approfondire insieme a lui temi e caratteristiche dell’organismo che rappresenta e dei valori di cui è portatore.
L’Italia alle prese con il modello unico delle competenze
2010-07-01
Con la nota del Capo Dipartimento per l’Istruzione n. 1208 del 12/4/2010 il Miur da nota che è stato diramato il decreto del Ministro n. 9/2010 con il quale è stato adottato il modello di certificazione dei saperi e delle competenze acquisiti dagli studenti al termine dell’obbligo di istruzione, in linea con le indicazioni dell’Unione europea sulla trasparenza delle certificazioni.
Fatti e Norme
2010-04-03
A dieci anni dall’emanazione della direttiva europea sulla discriminazione razziale (2000/78/CE) può essere utile tentare un primo bilancio dell’applicazione di quello che con il tempo è diventato un corpus normativo articolato e capace di coprire la maggior parte degli ambiti della vita sociale.
La Gelmini fa 30
2010-04-03

L’8 Gennaio 2010 è stata diramata dal Ministero dell’Istruzione una circolare che prevede un numero limite di stranieri in ciascuna classe scolastica a partire dall’anno scolastico 2010/2011. Secondo la Gelmini il tetto massimo di stranieri per classe, che non dovrà superare il limite del 30%, servirà ad ottenere una equilibrata distribuzione degli allievi con cittadinanza non italiana tra istituti che esistono sullo stesso territorio.

Contesto, management e leadership educativa
2010-04-03

I concetti di contesto, management e leadership educativa sono strettamente legati tra loro, anzi, direi dipendenti l’uno dall’altro in una situazione particolare e ricca come quella scolastica. Il “contesto”, nel quale ogni singola scuola è calata, permea la vita della stessa, modificandola continuamente perché esso stesso è in continua trasformazione.

La didattica laboratoriale: una scelta strategica
2010-04-03
Costruire la propria identità è il primo passo verso il raggiungimento dell’autonomia, espressione di creatività, libertà decisionale e consapevolezza di sé. L’autonomia si consegue attraverso il confronto dialettico fra il bisogno di appartenenza e di indipendenza, bisogni che si giocano nel clima relazionale.
Recensione a
2010-04-03

Il volume cerca di mostrare attraverso l'analisi teorica e la presentazione di casi virtuosi, sia di natura aziendale che istituzionale, la tendenza al superamento di un approccio istituzionale, produttivo, comunicativo e di marketing orientato a logiche uniformi di carattere collettivo, generico e indistinto.

Per guardarsi intorno: Spazio a …
2010-04-03

Le difformità culturali portano con sé diversi aspetti delle varie identità degli individui: la provenienza geografica, l’etnia, il codice linguistico, il bagaglio educativo, la religione. E’ su tali prospettive che si stabilisce il dialogo affinché chiunque viva nell’Unione Europea si senta coinvolto nella realizzazione di una società interculturale.

Calais, una via clandestina verso l’Inghilterra (da www.ImmigrationFlows.net)
2010-04-03
La regione di Calais rappresenta uno dei confini dello Spazio di Schengen. Situata sul litorale francese, è un passaggio obbligato per i clandestini afghani, iracheni, eritrei o sudanesi in attesa di attraversare la Manica. Un viaggio dal Corno d’Africa a Calais può durare dai sei mesi a un anno, e costare fino a diecimila dollari.
La rappresentazione del rapporto genitori-figli nel cartone animato. Parte prima: considerazioni generali
2010-04-03
Ci è sembrato che fosse interessante soffermarsi a osservare la rappresentazione dell’interazione tra genitori e figli rappresentata nei cartoni animati, un versante non ancora molto esplorato o almeno non esplorato nei termini in cui lo si propone in questo contributo.
Frontex. Il controllo dei confini dell’ UE (da www.ImmigrationFlows.net)
2010-04-03
Nel 2004 per coordinare gli interventi operativi di controllo dei confini dell’Unione Europea la Commissione europea costituì un’Agenzia sovranazionale denominata Frontex. Oggi di fronte al continuo fenomeno degli sbarchi clandestini, ed ancora di più, di fronte alle tragedie che avvengono nel Mediterraneo, ci si domanda quale sia il ruolo dell’Unione Europea e in particolare quali siano le evoluzioni del processo di armonizzazione del controllo delle frontiere posto in essere con la costituzione di Frontex.
L'etica per una nuova professione docente
2010-04-03

Gli insegnanti vivono attualmente un momento di forte svalutazione sociale del loro ruolo, non godendo di prestigio e valorizzazione del lavoro  svolto quotidianamente in classe. In tal senso, oggi più che mai, si sente in modo stringente l’esigenza di parlare di etica della professione docente.

Ricerca scientifica e sperimentazione operativa sulle reti di imprese. Strategie innovative per la competitività e lo sviluppo aziendale: trasformare la conoscenza in valore
2010-04-03
L’operatività di Net Value si è sviluppata attraverso un rapporto sinergico con l’Università, responsabile istituzionale della ricerca di base e applicata sulle dinamiche industriali e gestionali di network, dal quale è scaturita la definizione di un modello che richiede per la sua attivazione processi di diffusione e commercializzazione finalizzati alla creazione e alla gestione di reti stabili di imprese e aggregazioni.
Azione didattica e processi valutativi. Le prove semistrutturate.
2010-01-08
La programmazione didattica, per chi è consapevole del proprio lavoro, non può ridursi, ed effettivamente non si riduce, ad un burocratico e formale adempimento di inizio d'anno scolastico, bensì richiede un lavoro continuo di ripensamento, legato alla necessità di assumere continuamente “decisioni”, non solo nella fase iniziale del progetto ma “in itinere”, ogni volta che pianifichiamo e predisponiamo operativamente ogni singolo intervento didattico e, soprattutto, ogni volta che riteniamo necessario operare un “aggiustamento di tiro” rispetto all'impostazione inizialmente preventivata.
Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento.
2010-01-08
Le mappe concettuali vengono impiegate in maniera sempre più stabile e sistematica in tutti i settori in cui è importante e necessario ;gestire e rappresentare la conoscenza, di conseguenza anche in ambito didattico-formativo.
Lo sfogliabile: evoluzione mediamorfica.
2010-01-08

All’esordio del secondo anno QTimes web magazine può contare su un interessante e gradito numero di lettori e di abbonati che, confermando il nostro impegno a rafforzare il significato della rivista come espressione delle differenti identità e dei diversi percorsi di ricerca che ciascun autore ci fa pregio di diffondere, donano nuova verve alle attività redazionali e di pubblicazione.

Mappe mentali e radiant thinking per apprendere.
2010-01-08
La mente umana ragiona per associazioni di idee: dal momento evolutivo in cui abbiamo accesso al codice linguistico, una parola ne veicola altre ad essa associate e il pensiero si muove costantemente in questa rete di relazioni.
Italia Futura ed il suo Accade domani, cronache del divenire.
2010-01-08
Lo scorso 23 Novembre 2009 presso il Tempio di Adriano di Piazza di Pietra (Roma) c’è stata la premiazione dei progetti vincitori, alla presenza di Luca Cordero di Montezemolo e di Andrea Mondello e QTimes web magazine c’era.
La norma SA 8000 e l’esperienza della Regione Toscana.
2010-01-08
La SA 8000, che ha quindi origine americana e non europea , è uno standard internazionale di certificazione e prevede, oltre all’osservanza delle leggi nazionali e tutte le altri leggi vigenti, standard di settore prevalenti e gli altri requisiti sottoscritti dall’azienda, il rispetto dei principi contenuti nelle Convenzioni e Raccomandazioni emesse dall’ILO e dall’ONU relative ai diritti umani, i diritti dei lavoratori, la tutela contro lo sfruttamento dei minori e le garanzie di sicurezza e igiene sul posto di lavoro.
La valutazione dell’e-learning: qualità e apprendimento.
2010-01-08
I problemi della formazione e della valutazione in un corso di insegnamento/apprendimento in rete, sono al centro del dibattito internazionale in quanto coinvolgono le nuove opportunità formative strettamente legate e offerte dalla nuova strumentazione tecnologica.
La cooperazione italiana in Guatemala: il Programma “cafeycaffè”.
2010-01-08
Il settore del caffè in Guatemala interessa circa 750.000 lavoratori dell’area rurale, che sopravvivono grazie all’impiego nelle aziende di caffè ed alla produzione di alimenti di base. Per questo  risulta evidente, specialmente in questo ambito una forte mobilità sociale legata alle entrate familiari dovute a questo prodotto, nelle quali la partecipazione del genere femminile è diventata fondamentale nel quadro dell’economia rurale.
Etnobotanica: l’uomo e le piante, un legame antico.
2010-01-08
Gli esseri umani nel corso di milioni di anni hanno imparato a utilizzare ciò che l’ambiente offriva per la loro sopravvivenza. I nostri progenitori conoscevano già alcune piante officinali, termine con il quale si raggruppano tutte quelle piante che, per mezzo dei loro principi attivi, sono utilizzabili nella preparazione di medicinali,  profumi  e spezie da cucina. E’ quindi ancestrale la capacità di far ricorso alle piante per le proprie necessità, compresa principalmente, quella dell’alimentazione.
Tempo di bilanci
2009-09-29
Sono trascorsi solo tre mesi da quando sono stati messi on line i primi contributi alla rivista QTimes; ed è davvero un lasso di tempo piuttosto breve per esprimere valutazioni.
Comunicazione politica: il marketing di Obama
2009-09-29
Lo staff del Presidente ha  creato operazioni e campagne di marketing virale con l’invio di  sms, e-mail direttamente ai sostenitori che si erano iscritti sul sito del candidato, chiedendo anche la loro opinione, per esempio sulla scelta del suo eventuale numero due.
Le Istituzioni alle prese con le nuove forme di comunicazione
2009-09-29
Le istituzioni però (Stato, Regioni, Province, Comuni, etc. ), nella corsa alla notizia hanno deciso di partecipare più tardi del previsto,. Solo negli ultimi anni, infatti, si sono lasciate coinvolgere, ed ecco che, si è assistito al proliferare di uffici stampa, siti internet, periodici cartacei ed altre molteplici forme di comunicazione.
La comunicazione nei Sistemi di Gestione Aziendali
2009-09-29
A seconda del tipo di struttura e del tipo di comunicazione da effettuare, l’organizzazione può scegliere il metodo che più ritiene efficace per raggiungere tale scopo. Occorre tener presente, tuttavia, che definire un metodo di comunicazione è funzionale alle necessità interne dell’organizzazione ed è necessario per una efficace gestione dei processi.
La nuova socialità attraverso il web
2009-09-29
Molti sono gli studi di settore che ormai da tempo affermano che la società attuale è fortemente  caratterizzata da una crescente penetrazione delle nuove tecnologie della comunicazione. A tale riguardo, il processo oggetto di studio di questo saggio è la nuova modalità del comunicare, che potremmo definire tecnologica.
Comunicazione: parola polisenso e ambigua?
2009-09-29
Che il temine “comunicazione” sia polisenso, ovvero possegga più significati ed accezioni, è  un fatto indiscutibile. Basta aprire il “Grande Dizionario della Lingua Italiana”di Salvatore Battaglia (volume III, pagg. 446/447, per chi volesse controllare) per trovare conferma di quanto appena scritto. Sono infatti ben undici i significati di “comunicazione” che il Battaglia elenca nella sua monumentale opera, imprescindibile riferimento per chiunque intendesse conoscere al meglio la ricchezza e la potenzialità della nostra lingua.
Comunicare attraverso la Musica e il Cinema
2009-09-29
L’arte cinematografica può essere considerata una specie di simbiosi in cui le immagini statiche e la dinamica della musica assumono una cornice temporale univoca, una fusione di immagine e suono, pittura e musica; con il cinema si arriva, così, ad avere una struttura complessa a livello linguistico, una comunicazione fatta di spazio e tempo, un materiale quadridimensionale  innovativo nel campo dell’arte.
A Small World: cronaca di un mondo che ci stringe
2009-09-29
Non vi sono risultati di ricerca recenti che restituiscano dati certi sul rapporto tra i social network e i sei gradi di separazione del piccolo mondo ma in compenso nasce nel 2004 sul web un social network diverso, un club esclusivo per pochi eletti che si scambiano informazioni d’elite sul lusso e su eventi in ed affini. Il suo fondatore è lo svedese Eric Wachtmeister ed il nome del social network, indovinate un po’? Esatto! A small world. 
Lifelong learning come leva per l’innovazione e la trasformazione delle organizzazioni. Il caso del Laboratorio di Metodologie Qualitative nella Formazione degli Adulti dell’Università Roma Tre.
2009-09-29
L’apprendimento inteso come cambiamento stenta ancora a essere riconosciuto come principio guida dei processi sociali, come elemento generativo e di qualità dei contesti, delle organizzazioni, delle pratiche.Il tema oggetto di riflessione sviluppa il concetto relativo al carattere generativo e trasformativo del lifelong learning, per i singoli e le organizzazioni sociali, se inteso in senso formativo secondo un approccio qualitativo. Perché cominci a realizzarsi un processo virtuoso in questa direzione è necessario che le università si costituiscano sempre più come centri forti di formazione e apprendimento basati sulla ricerca.
Università e sviluppo territoriale
2009-09-29
Obiettivo di questo articolo è quello di riflettere su compiti e ruolo richiesti all’università della conoscenza. In considerazione del fatto che la gestione e la valorizzazione dell’informazione e della conoscenza sono oggi ritenuti fattori strategici per lo sviluppo e la competitività di organizzazioni, territori e paesi, ci si rende facilmente conto come il tradizionale mandato sociale assegnato all’università, concernente didattica e ricerca, tende a vacillare in luogo di una pressione sociale più complessa e articolata che si estende alla capacità di operare come agente di valorizzazione economica e sociale della ricerca scientifica e di mediazione del trasferimento tecnologico.
Fondamenti teorici del Diversity
2009-09-29
Questi programmi “volontari” delle aziende, finalizzati a creare una maggiore inclusione degli individui, ma anche dei gruppi all’interno dell’ambiente organizzativo, il riconoscimento della centralità e della diversità del “capitale umano”, come vero patrimonio dell’impresa influenza l’approccio gestionale favorendo l’implementazione di sistemi, pratiche e politiche volte ad una effettiva gestione della diversità in azienda e tali da generare un effettivo vantaggio sostenibile nel lungo periodo dell’impresa.
La rivista telematica “Q-Times”
2009-06-18
La scelta di una rivista telematica porta con sé notevoli vantaggi tra cui la grande potenzialità offerta dall’apparato informatico 2.0 e il fatto di essere un enorme data base, che permette di avere a lungo termine un archivio permanente.
Il leader tra emozioni e creatività in un contesto di organizzazione efficace.
2009-06-18
Ogni leader, ogni persona che guida un gruppo o un’organizzazione, esercita un grande potere che si riflette in modo importante anche sul comportamento dei membri del gruppo o dell’organizzazione. I tratti attitudinali dei leader, infatti, possono facilmente diventare significativi tratti culturali, indotti nelle persone e negli ambienti da loro caratterizzati. Questo potere non è soltanto legato alla discrezionalità decisionale su leve oggettive di gestione, ma esso si identifica anche nel fatto che i leader influenzano in maniera determinante il clima in cui si opera.
La Qualità: un costo o un investimento? Professional Works: qualità che dà risultato nella provincia di Frosinone.
2009-06-18
La gestione dei processi permette una direzione dell’organizzazione orientata verso i suoi obiettivi in quanto le relazioni tra i diversi processi diventano evidenti. Risulta evidente anche la posizione dei punti critici e ciò permette di eliminare le azioni a vuoto, di abbreviare i tempi di elaborazione, di identificare i rischi e di adottare misure d’intervento.  Non si può però nascondere che il Sistema di Qualità ha un costo, ma ha un costo anche rinunciarvi.
Convegno Frosinone 28 Maggio 2009.
2009-06-18
I temi degli interventi hanno introdotto nelle file della professione forense frusinate concetti e metodologie di organizzazione nuovi, ed a tratti dissonanti, rispetto alla prassi gestionale diffusamente utilizzata dalla maggioranza degli studi legali italiani. L’attenzione si è dimostrata viva sin dalle prime battute per poi affievolirsi nel volgere delle relazioni.
Qualita' dei servizi. L' impegno della Provincia di Frosinone.
2009-06-18
La Provincia di Frosinone ha avviato un programma pluriennale di miglioramento della qualità con l’obiettivo di dotare la sua struttura di Sistemi Qualità conformi alla norma internazionale ISO 9001: 2000. Questo programma offre l’opportunità di conseguire due importanti obiettivi, uno di natura interna e l’altro esterna.
Certificare lo Studio Legale ??! … No grazie !
2009-06-18

Il bisogno di abbracciare un Sistema di Gestione di Qualità si sta espandendo sempre più, dal settore imprenditoriale è arrivato a quello dei servizi, e da questo si inizia ad insinuare anche tra le libere professioni, seppur, ad oggi, gli studi professionali hanno ancora un atteggiamento riluttante nei suoi confronti, e sono ben lontani, pertanto, dal capire che la Comunità Europea sta lanciando una sfida anche a loro, una sfida che ha come fine la professionalità intesa come competitività, e le regole sono appunto quelle tematiche di organizzazione e marketing di cui la certificazione si interessa.

Leadership e management: due ruoli a confronto
2009-06-18
Da diverso tempo ormai al termine leadership si associa un altro vocabolo di grande rilevanza, quello di management il cui significato si rintraccia nel gestire, organizzare, assegnare ruoli, delegare controllare e avere la responsabilità delle risorse.Vi sono però delle differenze comportamentali tra un manager e un leader, anche se alcune ricerche dimostrano che avere la capacità di assumere entrambi i ruoli porta migliori risultati rispetto alla capacità di essere solo uno dei due.
La responsabilità amministrativa delle imprese
2009-06-18

Occorre a tal fine individuare un modello standard di gestione  improntato a principi etico-giuridici dell'attività amministrativa, la cui predisposizione, attuazione e controllo verrebbe affidata a società esterne accreditate, come avviene già  in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e sui SGQ con la ISO 9001:2008.

AIVI- La parola ai valutatori
2009-06-18
L’Ing. Arsenio Lanzara, un anno fa, insieme ad un gruppo di colleghi, ha fondato l’AIVI Associazione Italiana Valutatori e Ispettori, ed oggi ci presenta l’Associazione della quale è anche Presidente.
Bridging Bureau srl : l’entusiasmo che fa impresa
2009-06-18

Quando le idee trovano condivisione all'interno di un gruppo nascono progetti che possono segnare un'importante crescita del gruppo stesso e delle persone che lo compongono.

La Customer Satisfaction e le facce di Brunetta
2009-06-18
Autovalutazione, Customer Satisfaction, Benchmarking, Valutazione Esterna (feedback ecc.) sono gli strumenti che il Dipartimento della Funzione Pubblica, in particolare il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Renato Brunetta, ha introdotto attraverso larghe sperimentazioni, partendo dalle amministrazioni locali sino ai maggiori enti nazionali.
TAG CLOUD
comunicazione Valutazione Certificazione Qualità Blog Q-Times Six DMAIC Sigma social network


LE PIU' LETTE
Ri-scoprire l’ascolto
Chiusura, apatia, indifferenza e individualismo paiono essere tratti comuni di quel clima culturale che prevale nel Millennio e finisce per condizionare costumi, comportamenti singolari e collettivi, creando fratture nelle relazioni interpersonali di cui sono testimonianza il prevalente senso di disagio e la solitudine.
La valutazione dell’e-learning: qualità e apprendimento.
I problemi della formazione e della valutazione in un corso di insegnamento/apprendimento in rete, sono al centro del dibattito internazionale in quanto coinvolgono le nuove opportunità formative strettamente legate e offerte dalla nuova strumentazione tecnologica.
La comunicazione nei Sistemi di Gestione Aziendali
A seconda del tipo di struttura e del tipo di comunicazione da effettuare, l’organizzazione può scegliere il metodo che più ritiene efficace per raggiungere tale scopo. Occorre tener presente, tuttavia, che definire un metodo di comunicazione è funzionale alle necessità interne dell’organizzazione ed è necessario per una efficace gestione dei processi.
Carrozze senza cavalli: breve nota su media digitali e formazione
L’intento dell’articolo è quello di chiarire in che modo e in che misura gli adulti debbano assicurarsi che gli studenti capiscano i media che utilizzano nei loro percorsi di apprendimento, e sottolinea un aspetto messo in luce ormai più di quaranta anni fa dallo studioso canadese Marshall McLuhan.


Q-TIMES SEZIONI

Rapporti, riflessioni, presentazioni
Studi e contributi di ricerca
Interviste
Recensioni
Advisory Board
Politica Editoriale
Open Access
Invia il tuo articolo
Author Guidelines
Ethical Guidelines
Peer Reviewing
Indexing and Abstracting
Call for Paper 2018

Direttore Responsabile:
Stefania Nirchi

Ospite Scientifico :


Tutti i diritti riservati© Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione Tribunale di Frosinone N. 564/09 VG

Le immagini riprodotte sono reperite su internet e pertanto ritenute di pubblico dominio. Per chiederne la rimozione contattare il nostro staff.