Playing to be women. Identity and aesthetic sense in the game of dolls. Part II. The representation


La lettura dell'articolo è riservata ai soli iscritti.
Se non l'hai ancora fatto registrati subito, la registrazione è gratuita.

Accedi