Editoriale. Bridging skill. Sviluppo, riconoscimento e promozione dell’umano attraverso competenze non cognitive


Il titolo della presente Call manifesta una duplice intenzione: da una parte richiama l’attenzione sulle competenze e dall’altra vuole avviare un dialogo fra prospettive e letture disciplinari che pur nella loro specificità e diversità possono tracciare linee e direttive comuni. La finalità principale è quella di coltivare ciò che ogni essere umano è nella sua cifra, enigmatica e complessa.  Regge su tale presupposto la convinzione che sia necessario, oggi più che mai, creare condizioni di sviluppo reale, autentico ed inclusivo, per tutti gli uomini e ad ogni età, in ogni spazio di vita, tempo e contesto.