University: reform with important absences, project and vision


Abstract

La legge 240 sull’Università appare infatti come l’atto estremo di un processo eutanasico che nel corso degli anni ha in modo trasversale compromesso irreversibilmente il sistema della ricerca e dell’alta formazione in Italia; un sistema da tempo malato, afflitto da segni evidenti di smarrimento e demotivazione e che non può ottenere benefici da una legge di riforma che preclude qualsivoglia processo virtuoso. Infatti non si sono fatti attendere alcuni primi esiti: molti ricercatori sono migrati verso altri lidi, lasciando l’Accademia per seguire diversi e più vantaggiosi percorsi lavorativi.